Verdure di stagione: proprietà e benefici del finocchio

Ricco di potassio, il finocchio, verdura di stagione, è riconosciuto per le sue doti benefiche in caso di problemi intestinali, ma anche per l’emicrania e l’alta pressione sanguigna. Interessante anche il suo utilizzo nella terapia di alcuni disturbi femminili, in particolare in menopausa, per il suo contenuto di fitoestrogeni.

Dal sapore fresco e deciso, grazie alla presenza di anetolo, essenza utilizzata anche per preparare liquori (per esempio la sambuca), il finocchio è consigliato per depurare l’organismo dalle tossine in eccesso, per eliminare l’aria nell’intestino o nello stomaco, per fare il pieno di vitamine nella brutta stagione.

 

In cucina il finocchio è ottimo crudo, da solo o nelle insalate (per esempio abbinato a spicchi d’arancia, anch’essi ricchi di vitamine), per un contorno semplice e leggero. Perfetto anche lesso oppure gratinato. Invece il finocchietto (cioè la varietà selvatica) insaporisce zuppe e minestre, ma è anche ideale per preparare una tisana rilassante e digestiva con i fiori secchi.

Del finocchio si possono utilizzare anche i semi, tipici di alcune preparazioni, come il pane nero altoatesino. Antiossidanti, combattono il colesterolo cattivo, contengono fibre e hanno proprietà diuretiche. Inoltre, aiutano anche nella digestione. Con i semi di finocchio è possibile aromatizzare pietanze come arrosti, sughi e grigliate, ma anche sottoli e sottaceti fatti in casa. 

Il finocchio si conserva in frigo per qualche giorno, ma l’ideale è consumarlo fresco quando è più croccante. I semi, invece, si possono conservare in un barattolo asciutto al buio, per mantenerne la fragranza

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here