Verdure di stagione: il cavolo e le sue proprietà anti-tumorali

Esistono alimenti che contengono elevatissimi benefici per la salute ma che spesso non vengono messi sulla tavola a causa del sapore (o dell’odore) particolare. Uno di questi è il cavolo del quale si possono gustare le foglie (cavolo cappuccio, verza, cinese, cavolini di Bruxelles) o le infiorescenze ancora immature (broccoli, broccoletti, cavolfiore).

Ad esempio il cavolfiore è un’ottima testa di cavolo! Ma non fatevi ingannare dall’ironia, la testa di cavolo è la parte arancione commestibile della pianta, che assume questa colorazione grazie all’elevato numero di carotenoidi, quindi di provitamina A, contenuti.

I cavoli, che soprattutto nei mesi invernali, si possono trovare nella loro migliore qualità, sono una grande famiglia chiamata Brassica oleracea, che contiene in una sola specie cavolfiori, cavoli a foglia, broccoli, cavolini.

Queste piante, che vantano poche calorie ed elevate qualità, sono ricche di minerali quali potassio, calcio, fosforo, e sono spesso indicate come accompagnamento nei trattamenti contro le coliti ulcerose, grazie alle mucillagini contenute, e nella prevenzione delle anemie grazie all’elevato contenuto di clorofilla.

Chi detesta cucinare questi alimenti a causa del loro odore forte si dovrà ricredere perché “la puzza” è dovuta ai composti dello zolfo di cui sono ricchi tutti i cavoli, anche quelli bianchi, tra cui non mancano i glucosinolati, le sostanze anticancro più potenti che si possono trovare nei cibi.

Questi aiutano a prevenire soprattutto i tumori del cavo orale, dell’esofago, dello stomaco e del colon, ma anche del seno e del rene.

Se quelli arancioni non vi piacciono, o non riuscite ancora a trovarli, potete scegliere quelli viola, che sono anche ricchi di antociani, sostanze antiossidanti che rallentano l’invecchiamento. I broccoli romaneschi, invece, sono ricchi anche di clorofille e vitamina C.

I benefici dei cavoli si ottengono sia quando l’ortaggio viene cotto sia al naturale.

La sua acqua di cottura è ideale in caso di abbassamento di voce, asma, bronchite o per infiammazioni leggere del cavo orale assieme ad un cucchiaio di miele o ancora in caso di problemi allo stomaco.

I cavoli crudi invece sono perfetti per riequilibrare l’intestino, combattere nervosismo e ridonare elasticità alla pelle.

Per scoprire i consigli e le opinioni degli esperti in merito alle proprietà benefiche dei cavoli e molto altro, affidatevi a Coltura & Cultura che vi farà voglia di riconsiderare il significato de… i cavoli a merenda!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here