Vacanze di Pasqua: le 3 regioni più visitate

Pasqua, ma in generale le vacanze di primavera, rappresentano un’ottima occasione per fare le valige e partire per qualche giorno, grazie ai diversi ponti lavorativi di aprile e maggio e soprattutto grazie al bel tempo portato dall’inizio della bella stagione.

Il Centro Studi Tci, ha deciso, così, di condurre un survey on line al fine di comprendere meglio gli spostamenti primaverili degli italiani. Sono stati circa 2.000 gli intervistati e il 70% di questi ha dichiarato che per pasqua, 25 aprile o primo maggio è pronto a mettersi in strada per mete italiane o estere.

Il ponte che registrerà maggiori partenze sembra essere quello del 25 aprile, che, cadendo di martedì dà luogo a ben 5 giorni consecutivi di vacanza. Ma la Pasqua è da sempre la data favorita per fare zaini e valige, o anche solo preparare un pranzo al sacco e sbocconcellarlo sulle rive dei mari più vicini.

Le destinazioni preferite dagli intervistati sono, infatti, la Toscana, la Liguria e l’Emilia-Romagna, grazie al loro mare a breve distanza dalle grandi città del Nord Italia. Alcuni, però puntano sull’estero e prima tra tutte le mete prescelte campeggia la Spagna, seguita da Francia e Regno Unito.

La tipologia di viaggio scelta varia dalla city break e città d’arte – le più visitate sono sempre Roma, Milano e Venezia – alle località balneari e piccoli borghi dell’entroterra.

Essendo vacanze brevi, quelle di Pasqua e primaverili, la maggior parte degli intervistati ha dichiarato di non aver bisogno di fare ricerche riguardo alla o alle destinazioni prescelte. Ma il metodo preferito per informarsi e prenotare sarebbe il web. Alcuni si informano ancora attraverso le più tradizionali guide o riviste specializzate mentre una piccola parte preferisce ancora affidarsi sia dal punto di vista informativo che per quanto concerne le prenotazioni alle agenzie di viaggio.

Il mezzo preferito per la partenza è l’auto, seguita da aereo e camper. Mentre per quel che riguarda il soggiorno la maggior parte opterà per hotel, subito seguiti da alloggi privati.

(Redazione)

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here