fbpx

Udito, dall’ammissione del problema alla soluzione ad hoc per risolverlo

Spesso quando si ha un problema di udito la sensazione è quella di sentirsi distanti dalla nostra quotidianità, dagli affetti, dal lavoro, dal nostro tempo libero. Non esiste una cura definitiva all’ipoacusia e spesso questa patologia è vissuta da molti con disagio e frustrazione. Per fortuna oggi le tecnologie in grado di risolvere o attenuare i danni provocati dall’ipoacusia sono sempre più avanzate. È il caso delle soluzioni proposte da Maico Bioacustica.

Maico Bioacustica, una storia al servizio dell’udito

L’azienda genovese dal 1938 propone rimedi efficaci alle persone ipoacusiche. Con la sua esperienza nella progettazione di apparecchi acustici, Maico è universalmente riconosciuta come leader nella tecnologia innovativa al servizio dell’udito.

Il primo passo è ammettere di avere un problema

Per Maico è fondamentale comprendere ogni singola esigenza e plasmare la soluzione acustica più adatta alle sue specificità. Ma il primo passo da compiere per risolvere i problemi di udito è proprio quello di riconoscere di avere un problema. Può sembrare banale, ma sono molte le persone che per paura o pudore rifiutano l’idea di avere bisogno di aiuto. Imparare a riconoscere il problema è fondamentale: se così non fosse, il rischio è quello di escludere le esperienze uditive che danno senso e gioia alla vita.

Esperienza e innovazioni tecnologiche per l’udito

Gli apparecchi acustici offerti da Maico sono dispositivi per l’udito altamente tecnologici che possono permettere a chi li utilizza di vivere al meglio la vita. Tutti gli apparecchi sono composti da microfono, amplificatore, altoparlante, batteria e da un chip di computer, che l’audioprotesista programma in base alle esigenze di ascolto del paziente. Le diverse tipologie di apparecchio acustico si caratterizzano per avere e per offrire caratteristiche tecniche differenti come: larghezza di banda, regolazione automatica del volume, gestione del rumore e soppressione del feedback.

Apparecchi acustici tra comfort e connettività

Le soluzioni ideate da Maico Bioacustica per risolvere i problemi di ipoacusia si basano su tre pilastri: l’ascolto nel rumore, il comfort di ascolto e la connettività. Ma scendiamo nel dettaglio e vediamo di cosa si tratta

  • Ascolto nel rumore
    Il rumore dà fastidio e affatica il nostro ascolto. Gli apparecchi acustici Maico localizzano i suoni e si adattano automaticamente e rapidamente alle situazioni di ascolto, migliorando la comprensione del parlato, anche in ambienti rumorosi.
  • Comfort di ascolto
    Gli apparecchi acustici permettono di tornare a sentire i suoni che si sono persi a causa dell’ipoacusia e permettono all’utilizzatore di comprendere le conversazioni anche negli ambienti di ascolto più difficili, superando i rumori fastidiosi garantendo un tipo di ascolto confortevole, chiaro e nitido.
  • Connettività
    Gli apparecchi Maico, grazie alla connettività wireless, possono collegarsi direttamente a fonti sonore, come la televisione, lo smartphone o l’impianto stereo assicurando anche in questo caso un ascolto appagante e pulito.

L'articolo ti è piaciuto? Condividilo sui social!

Iscriviti alla newsletter

Se ti è piaciuto questo contenuto iscriviti alla Newsletter ed entra a far parte della Community di Altraetà: una volta alla settimana riceverai sulla tua mail una selezione delle migliori notizie sul mondo over 50.

Più letti

Potrebbe interessarti anche

Iscriviti alla newsletter e rimani sempre aggiornato sul mondo over 50

Utente registrato correttamente!