Turismo senior: risorsa primaria per l’economia italiana

anziano_vecchio_guida

L’economia italiana deve ringraziare i senior che, grazie alla passione per il turismo, rappresentano un mercato in continua espansione che punta all’eccellenza e alla valorizzazione della tradizione italiana.

Secondo la decima indagine dell’Osservatorio Europcar in collaborazione con Doxa, sono oltre 12,5 milioni gli italiani tra i 60 e i 79 anni, che hanno trovato l’occasione di trascorrere, o che passeranno, qualche giorno di vacanza in giro per il mondo durante quest’anno.

Grazie a una maggiore disponibilità di tempo, a una buona capacità di spesa e a una qualità della vita migliore rispetto al passato, i viaggiatori over 60 nel corso del 2014 hanno programmato giorni fuoriporta, non limitando i giorni del relax alle sole festività.

Il turismo senior raccoglie viaggiatori molto variegati: ci sono quelli che ancora lavorano, i pensionati con la minima (50%), ma anche quelli (30%) che grazie ad un reddito più alto possono permettersi una vacanza di lusso.

Questo popolo rappresenta anche una risorsa economica non indifferente per il Paese: secondo le stime condotte dall’Università Bocconi di Milano, il valore economico di questa fetta turistica vale almeno 19,5 mld di euro, 1,25 % di PIL, che diventano 35 mld di euro, 2,25% di PIL con l’indotto.

Le mete dei turisti over 60.

Il leader delle vacanze è sempre lui, il mare. D’estate, infatti, raggiunge ben il 64% delle preferenze tra gli intervistati, ma anche il fresco della montagna è gradito (21%)assieme al lago e alla campagna che accolgono il 12% dei turisti senior.

Sempre belle e sempre visitate sono le capitali della cultura, in particolar modo tra ottobre e dicembre e tra gennaio e giugno, periodi di tempo che si spartiscono rispettivamente picchi di viaggiatori pari al 35% e 29%.

La voglia di cultura però non si arresta mai: le visite a musei, chiese, siti archeologici, palazzi d’epoca occupano il 64% delle attività dei senior in vacanza, seguiti dalle escursioni (44%), dalle passioni personali (32%) che spesso hanno a che vedere con attività culturali, dall’enogastronomia (26% visite a cantine o luoghi di produzione), dalle terme e dal benessere (23%) e dalle attività sportive (16%).

Viva l’Italia!

Il turista senior è quello che più di tutti valorizza le bellezze nostrane. Il 74% degli intervistati infatti non si spinge oltre confine ma si gode il relax in mete dislocate in tutta Italia e spesso già conosciute.

La Toscana è la più gettonata (12%) seguita dal Trentino-Alto Adige (10%), dalla Campania (9%), dalla Liguria e dalla Puglia (8%). All’estero si va in Francia (prima destinazione con il 24%) e Grecia (14%) mentre la Spagna, favoritissima nel dato generale, è scelta, a sorpresa, solo dal 4% del target.

I senior, grandi appassionati delle quattroruote: le destinazioni per gli over 60 si raggiungono principalmente in automobile (74% vs il 65% del dato nazionale), mentre il 13% (rispetto al 21% nazionale ) si sposta in aereo, ma il meno gettonato è il treno al quale si affidano solo il 10% dei viaggiatori.

A chi affidarsi per l’organizzazione?

2 turisti senior su 10 fanno vacanze a cura di enti, cral o associazioni ma ben il 49% progetta il proprio viaggio in modo autonomo, (usando prevalentemente il web) come emerge anche da altre ricerche internazionali. Un dato interessante riguarda le crociere, che coprono il 90% della voce tour – scelta dai senior per il 3% in estate, 6% in primavera e 9% in autunno – ovvero il 40% della domanda crocieristica italiana.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here