Street Food: la libertà nel gusto

Uno dei nuovi trend nel panorama del gusto è itinerante, di strada: è lo street food.

Sempre più spesso vengono organizzate fiere, festival o giornate dedicate al buon cibo da consumarsi, non in maniera classica ma per strada. Ancor di più con la complicità della bella stagione primaverile ed estiva.
Sempre più imprenditori decidono di portare on the road la propria proposta culinaria, secondo Coldiretti sono oltre 2.200.

Cibo di strada non vuol dire un panino al volo da consumare in fretta e furia, ma oramai è sinonimo di gustose ed eccentriche specialità. Il pubblico, infatti, è diventato molto esigente e i foodtrucker italiani prestano una crescente attenzione alla cura dei “piatti”, all’allestimento del mezzo, alla propria immagine e alla comunicazione.

Per questo motivo molti sono gli imprenditori on the road che si affidano a StreetFoody, impresa specializzata nell’allestimento dei veicoli speciali. Quest’anno saranno circa 150 i mezzi allestiti dall’azienda provenienti da tutta Italia ma soprattutto da Toscana, Umbria, Lazio, Emilia Romagna e Lombardia.

Uno dei canali più importanti per quello che riguarda la buona cucina e il gusto ha deciso di puntare molto sulla cucina di strada: Alice tv. Infatti, per il programma di punta della rete, Casa Alice, è stato scelto un mezzo allestito per lo Street food da StreetFoody che accompagna la presentatrice, Franca Rizzi in un sussegirsi di ricette, gusto e buonumore.

Non c’è da stupirsi se quest’estate si vedranno tantissime Ape dal sapore vintage che esprimono tradizione e italianità, due elementi fortemente ricercati dal pubblico che segue gli appuntamenti più importanti dedicati al cibo di strada.

Per quanto riguarda le tendenze culinarie i trend del 2017 sono: panini d’autore, focacce, fritti, cibo etnico e cibo da passeggio, primo tra tutti il gelato. Ma come sempre la chiave del successo è la qualità. Vince chi punta su quest’ultima per raccontare un territorio e presentare le migliori materie prime, che siano presidi Slowfood, ingredienti a km zero, eccellenze delle varie regioni oppure ricerca sulle cucine esotiche.

(Redazione)

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here