Sovrappeso e obesità velocizzano l’invecchiamento cerebrale

cervello invecchiamento cerebrale

I chili di troppo non sono solo una minaccia per la salute del cuore. L’obesità e il sovrappeso sembrano essere collegate anche a un precoce invecchiamento cerebrale, soprattutto negli over 60.

A svelarlo sono i dati raccolti da un recente studio dell’Università di Miami. L’indagine ha analizzato un campione di oltre un migliaio di persone con un’età media di 64 anni. Lo studio, condotto da un team di esperti, è stato anche pubblicato sulla rivista specializzata Neurology.

L’indagine

Stando ai risultati dell’indagine, i sessantenni in sovrappeso e con un indice di massa corporea elevato, correrebbero un maggior rischio di andare incontro a un futuro assottigliamento della corteccia cerebrale. Ciò aumenterebbe le probabilità di contrarre le più diffuse forme di demenza senile.

Gli studiosi dell’Università hanno svolto un monitoraggio di sei anni su un campione composto da 1.289 persone con un’età media di 64 anni, ma appartenenti a diverse categorie di peso: 346 persone avevano un peso corporeo normale, 570 erano in sovrappeso e 30 erano obese.

Prima di passare alle analisi cerebrali, gli esperti hanno tracciato l’indice di massa corporea dei partecipanti. Successivamente hanno cominciato monitorare lo stato di salute del cervello grazie a diverse risonanze magnetiche effettuate a intervalli regolari per i sei anni successivi.

La ricerca ha tenuto conto della presenza di eventuali patologie in grado di influenzare il funzionamento cerebrale, come l’ipertensione. I dati ottenuti dopo sei anni di osservazione hanno sottolineato che negli individui in sovrappeso ogni unità in più di indice di massa corporea corrisponde a una diminuzione di 0,098 millimetri dello spessore della corteccia cerebrale. Per le persone obese questo valore sale a ben 0,207 millimetri.

Le conclusioni

L’obesità sembra così strettamente collegata a una riduzione della materia grigia del cervello.

Stando sempre ai dati forniti dall’Università di Miami, i soggetti maggiormente esposti a questa riduzione sono gli individui con meno di 64 anni di età. Il dato ha portato i ricercatori a sottolineare che trascurare il proprio peso corporeo durante la mezza età (dai 50 ai 60 anni) può portare a problemi non di poco conto nelle successive fasi della vita.

Andrea Carozzi

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here