fbpx

SOS Anziani: 10 attività da fare con una persona con Alzheimer

La malattia di Alzheimer e le demenze correlate possono indurre gli anziani a ritirarsi dalle attività, dalla famiglia e dagli amici. È tuttavia estremamente importante mantenere quegli interessi e relazioni, perché riduce gli effetti della compromissione della memoria, portando a una migliore qualità della vita.

Le attività stimolanti appartenenti alla sfera degli hobby, delle passioni e degli interessi dei nostri cari trasmettono loro piacere e diminuiscono le sensazioni di angoscia e inutilità che riempiono le loro giornate dopo una diagnosi di malattia. Altri benefici per chi soffre di Alzheimer sono:

  • Incoraggiamento dell’autoespressione
  • Promozione delle connessioni emotive con gli altri
  • Riduzione di ansia e irritabilità
  • Aumento del coinvolgimento nella normalità della vita che li circonda e che ancora può appartenere loro
  • Stimolazione dei ricordi

Come descrive AARP.org, è importante creare attività significative e non solo per riempire il tempo. Molto utile anche considerare gli interessi che avevano in passato, sapendo che alcune attività potrebbero dover essere modificate per praticità e sicurezza, o magari anche semplificate per renderle ancora alla portata delle loro capacità residue. Per spiegarmi, è come portare una persona a fare trekking: anni prima riusciva a fare passeggiate di qualche ora in salita, ora li può accompagnare sulla cima con una funivia e fare un giretto in piano in quota: potrà godere della vista degli spazi che appartengono alla sua storia, sentire i profumi che tanto amava, senza fare la stessa fatica. Questo potrà stimolare l’insorgere di altri ricordi.

10 attività stimolanti per l’Alzheimer

Ecco 10 attività stimolanti per l’Alzheimer che puoi provare con il tuo caro anziano:

1. Cuocere o cucinare insieme semplici ricette

2. Pulisci la casa. Spazzare il patio, pulire il tavolo, piegare gli asciugamani o provare altre attività domestiche che aiutano la persona a provare un senso di realizzazione

3. Fare arti e mestieri, come lavorare a maglia e dipingere. Mantieni modelli e strumenti semplici

4. Guarda i libri che la persona amava

5. Organizza gli articoli per la casa o per l’ufficio, in particolare se la persona era solita trarre piacere dai compiti organizzativi

6. Leggi il giornale

7. Riproduci musica o canta canzoni

8. Cura il giardino o visita un giardino botanico

9. Guarda i video di famiglia

10. Lavora sui puzzle

Se un tuo genitore o un tuo caro si oppone a un’attività, fai una pausa. Puoi riprovare più tardi o chiedere alla persona amata più anziana come modificare l’attività per renderla più piacevole.

Ricordati di concentrarti sul processo di un’attività e non sui risultati. Ciò che conta è che la persona amata si sia divertita e che si sia sentita utile.

Un altro trucco che può valer la pena tener presente è quello legato alla “memoria del corpo”. Quante volte ti sarà capitato che un profumo particolare o un canto ti abbia catapultato in un passato remoto ma molto piacevole?

A me capita con il profumo del forno delle “boulangeries” francesi: mi riporta a quando con mio papà scendevo in paese quando la maggior parte delle persone ancora dormiva. In inverno il bocchettone del forno dava sulla strada e il contrasto con le temperature invernali creava una nuvola bianca di profumo da far resuscitare i morti. Quel profumo, al di là della fragranza del pane, riporta nel presente un turbinio di emozioni legate al rapporto con mio padre, alle vacanze, all’intimità di quei momenti senza mamma e senza fratelli, all’emozione di poter spendere ogni tanto qualche soldino che ricevevo per comprare le caramelle gommose che conservavo come tesori, alle colazioni con il pane fresco e il burro buono, alle merende che seguivano le sciate con il pane fragrante e le marmellate ai frutti di bosco. Tutto questo solo partendo da un profumo.

E cosa succede a noi nati negli anni Settanta-Ottanta quando la radio fa partire la canzone di Ufo Robot? Quante emozioni riporta nel presente? Quanti ricordi? Solitamente quando la si sente sulle facce della nostra generazione gli occhi s’illuminano e le facce sorridono.

Ricordo una signora che assistevamo quando avevo l’agenzia che non parlava mai, era sempre ostativa ed era molto difficile coinvolgerla in qualsiasi iniziativa: un giorno l’assistente è riuscita a farla partecipare alla preparazione di una torta. La tecnica usata era quella di iniziare lei a far le cose, far vedere come svolgere le singole azioni e coinvolgerla facendo leva sullo stimolo a copiare i movimenti. La signora, che fino a quel momento si opponeva e si arrabbiava, iniziando a mescolare gli ingredienti nella ciotola, è di colpo entrata nel mondo dei ricordi. Si è tranquillizzata istantaneamente. Grazie a quel movimento ripetitivo che aveva fatto tante volte in passato, ha rilassato tutto il corpo e ha cominciato a raccontare le feste di compleanno in cui la famiglia si riuniva. Il resto del pomeriggio è stato molto gradevole per lei e per l’assistente. Per diverse settimane hanno ripetuto questa attività facendo felici nipoti e vicinato.

Silvia Farina

Silvia Farina

Silvia Farina ha iniziato molto giovane nel volontariato, tramite cui è arrivata a gestire una casa albergo estiva per persone anziane. Nel 2014 ha aperto un’agenzia di servizi a domicilio scegliendo di specializzarsi nel supporto alle persone con demenza/Alzheimer: come affiliata di Home Instead Senior Care ha acquisito la loro esperienza, costruita in 30 anni da oltre 1000 agenzie nel mondo. L’incontro con oltre 600 famiglie ha messo in luce l’attitudine a comprendere le situazioni, risolvere problemi e organizzare le risorse. Chiusa l’agenzia, ora collabora con VillageCare.it, il primo portale italiano che “aiuta chi si prende cura”, ed è consulente di società impegnate in progetti ad impatto sociale rivolti alla terza età. Sei un figlio caregiver? Silvia organizza l’assistenza ai tuoi cari: più soluzioni per loro e meno problemi per te! Prenota 30 minuti di colloquio gratuito al 392.9602612 oppure scrivendo a [email protected].

L'articolo ti è piaciuto? Condividilo sui social!

Iscriviti alla newsletter

Se ti è piaciuto questo contenuto iscriviti alla Newsletter ed entra a far parte della Community di Altraetà: una volta alla settimana riceverai sulla tua mail una selezione delle migliori notizie sul mondo over 50.

Più letti

Potrebbe interessarti anche

Iscriviti alla newsletter e rimani sempre aggiornato sul mondo over 50

Utente registrato correttamente!