Segni del tempo: per l’80% delle donne non sono da nascondere

Una pelle sana e un aspetto il più naturale possibile anche se si è ricorse all’estetica: sono queste le priorità delle donne italiane quando si tratta di viso secondo i risultati di un’indagine condotta da Kleresca®, azienda attiva in campo dermatologico, che mette in
evidenza un rapporto positivo con i segni del tempo.

Rughe e linee sottili non rappresentano in assoluto alcun problema per il 17% delle donne intervistate e il 65% le considera anzi un’espressione della propria identità. Poco meno di una donna su cinque (18%) vede i segni del tempo come un’imperfezione da “combattere” o coprire. Scorporando i risultati per fascia d’età, è interessante notare come le donne tra i 46 e i 65 anni abbiano un approccio più sereno con le rughe rispetto alla fascia tra i 36 e i 45: nel primo gruppo il 68% delle intervistate ritiene che rappresentino la loro storia e solo il 16% invece le nasconderebbe, mentre nel secondo gruppo i dati sono rispettivamente al 61% e al 21%. Scarti che crescono ulteriormente quando ci si focalizza sulle risposte delle intervistate che dichiarano di avere le rughe: il 75% delle donne tra i 46 e i 65 anni si riconosce nei propri segni del tempo, mentre questo dato scende al 53% per le donne tra i 36 e i 45 anni.

Sì a una pelle sana, sospetto verso i trattamenti invasivi

Avere una pelle del viso in salute, tonica e luminosa, indipendentemente dall’età, è una caratteristica “molto importante” per il 64% delle donne intervistate da Kleresca®, mentre è “abbastanza importante” per il 35%.

Tra le donne che dichiarano di avere le rughe, nella fascia d’età 36-45 ben il 71% ritiene molto importante avere e sfoggiare un aspetto sano. Qualora non si sentisse a proprio agio con la propria pelle, il 33% delle intervistate sarebbe disposto a sottoporsi a trattamenti dermatologici o chirurgici, il 34% sarebbe contrario e il 33% riferisce di non averci mai pensato. Tra le donne che dichiarano di avere le rughe, la fascia d’età 36-45 ricorrerebbe a procedure nel 59% dei casi, contro il 30% della fascia 46-65.

La maggior parte delle donne (93%) concorda però che, rispetto a cinque anni fa, i trattamenti estetici dovrebbero assicurare come risultato finale un aspetto il più possibile naturale. Per questo motivo, il rischio di un gonfiore eccessivo di labbra e zigomi frenerebbe il 59% delle intervistate dall’utilizzo del filler, mentre il 31% indica gli effetti sulla generale espressione del viso. La tossina botulinica è vista con sospetto dal 43% delle donne per le possibili conseguenze sull’espressività del viso, mentre il 46% è più preoccupato per effetti collaterali come cefalea ed eritema.

Prendersi cura della pelle senza effetti collaterali

Ma qual è la caratteristica più importante che deve avere un trattamento per la pelle? Per il 43% delle donne intervistate da Kleresca® non deve avere effetti collaterali, mentre per il 16% non deve essere doloroso e creare fastidio. Il 37% si aspetta che dia risultati in tempi brevi e il 4% desidera che nessuno si accorga che lo si è effettuato.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here