Se ne è sentito molto parlare nel corso del 2020, con lo scoppio della pandemia di Covid-19, i cui sintomi riguardano proprio l’apparato respiratorio. Si tratta del saturimetro, o pulsossimetro, un dispositivo che viene usato per il monitoraggio delle condizioni respiratorie dei pazienti nei reparti ospedalieri. Ma può essere utilizzato anche a casa, per esempio dopo aver fatto sport, o al lavoro.

 

Come funziona il saturimetro

 

Il saturimetro si chiama così perché misura la saturazione di ossigeno dell’emoglobina presente nel sangue arterioso periferico. In sostanza, questo strumento ci aiuta a capire se i polmoni assumono abbastanza ossigeno dall’aria che respiriamo, oppure se stanno facendo troppa fatica. Contemporaneamente, il dispositivo misura anche la frequenza cardiaca (i cosiddetti bpm). Quello più pratico e più utilizzato è lo strumento da dito. È costituito da una sonda che raccoglie ed elabora i dati e un display, che riceve e mostra queste informazioni. Due componenti racchiuse in una sorta di “pinza”, che viene applicata appunto al dito o, in alternativa, al lobo dell’orecchio. Per la sua facilità d’uso, totalmente indolore, può essere adoperato anche a casa su persone di qualsiasi età, dai neonati agli anziani.

 

Quando va usato

 

Poiché serve a monitorare il buon funzionamento della respirazione e la corretta frequenza cardiaca, il saturimetro è utile per individuare velocemente disfunzioni respiratorie. In questo caso è utile alle persone affette da patologie come asma o bronchite cronica, a chi soffre di apnee notturne, ma anche ai fumatori. Utilizzarlo in questo periodo di pandemia può essere utile per monitorare la saturazione dell’ossigeno e aiutarci quindi a intervenire tempestivamente nel caso in cui ci siano problemi di tipo respiratorio.

 

Come va usato

 

Dopo un’accurata igiene delle mani, si inserisce un dito nella pinza, aprendola fino in fondo: con l’avvio dell’interruttore, la sonda legge la parte centrale dell’unghia e trasmette le informazioni al diplay, dove saranno visibili dopo pochi secondi. Qualche accorgimento: il dito deve essere caldo, unghie non troppo lunghe e senza smalto. La misurazione deve essere svolta da seduti, senza un’eccessiva esposizione alla luce.

 

Paola Pedemonte

 

NON PERDERTI I NOSTRI ARTICOLI!

Per entrare a far parte della nostra community e rimanere aggiornato, iscriviti alla newsletter di Altraetà! Clicca il link qui sotto, inserisci nome, cognome e email, accetta la Privacy Policy e seleziona “Iscriviti alla nostra newsletter”. Una volta alla settimana riceverai sulla tua mail una selezione delle migliori notizie sul mondo over 50! È gratis, comodo e veloce. E in ogni momento puoi scegliere di disiscriverti! CLICCA QUI

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here