Sana alimentazione: i pomodori e le loro proprietà benefiche

Benefici dei pomodori

Benefici dei pomodori. Carne in salsa di pomodoro, pomodoro e mozzarella, pasta al pomodoro, pizza margherita sono solo alcuni dei tanti piatti di cui l’ortaggio tipico della cucina mediterranea è protagonista.

Benefici dei pomodori

Il pomodoro, oltre ad essere gustoso, è ricco di una serie di proprietà benefiche che lo rendono uno degli alimenti più salutari della tavola.

Benefici dei pomodori: proteggono cuore e fegato

Grazie ad un’elevata quantità di licopene, perfetto anti ossidante, il pomodoro rallenta l’invecchiamento e protegge il fegato allontanando in modo naturale il rischio di osteoporosi. Secondo molti studi, inoltre, questo ortaggio diminuisce il rischio di patologie legate al cuore quasi del 30%.

Benefici dei pomodori: sono anti-colesterolo

Inserire nella propria dieta il pomodoro consente di abbassare il livello di colesterolo  favorendo una corretta digestione grazie all’elevata quantità di fibre presenti. Essendo ricchi d’acqua i pomodori favoriscono la diuresi purificando, in ogni stagione, l’organismo.

Questi ortaggi devono le loro proprietà benefiche non solo alla pianta da cui nascono ma anche a chi si occupa della loro coltivazione. Anche quelli che comunemente vengono chiamati dagli agronomi “pomodori da industria”, ovvero lavorati in uno stabilimento per ottenere ad esempio salse  o conserve di vario tipo, sono curati giorno dopo giorno in modo molto minuzioso e preciso.

Benefici dei pomodori: come coltivarli

Il primo segreto per fare un buon pomodoro, infatti, è dargli esattamente la giusta quantità di acqua.

Oggi, attraverso le più moderne tecnologie, si controlla l’umidità del suolo in tempo reale con particolari sensori e  quindi si dà una goccia alla volta, pianta per pianta, a terra.

Il secondo segreto è raccogliere i pomodori al momento giusto. Una volta poteva capitare che alcuni fossero raccolti ancora verdi, o troppo maturi. Oggi invece è molto più semplice, perché esistono varietà in cui tutti i pomodori della pianta maturano nello stesso momento.

Si sceglie insieme ai trasformatori la data per mettere in campo le piantine, in modo tale che 13-16 settimane dopo, quando i pomodori sono perfettamente maturi, ci sia un’azienda pronta a lavorarli entro qualche ora. Per questo, nella maggior parte dei casi, i campi si trovano oggi a non più di 50-60 chilometri, e non ci sono più le attese dei camion davanti agli stabilimenti.

Benefici dei pomodori: come lavorarli

L’ultimo segreto è la lavorazione. Oggi si riesce ad usare un numero molto inferiore di calore rispetto al passato, senza alterare il sapore del pomodoro e risparmiando energia.

Tutto questo richiede un grande affiatamento fra produttori e trasformatori, ma tanta organizzazione aiuta anche a tenere bassi i costi, perché possiamo comprare della migliore passata italiana con poco più di 1€

Per scoprire tutti i video sui prodotti della terra clicca qui!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here