Ritenzione idrica: ecco come contrastarla e come limitarne gli effetti

metodi per contrastare ritenzione idrica

Capita a quasi tutte le età, dipende dal tipo di fisico che la natura ci ha offerto, ma superati i 50 anni il problema della ritenzione idrica comincia a interessare sempre più persone. A soffrirne di più sono sicuramente le donne, ma anche gli uomini non sono esenti da questo problema.

I sintomi della ritenzione idrica

Spesso chi ne soffre si sente gonfio anche a dispetto di uno stile di vita sano, caratterizzato da un’alimentazione equilibrata e da una regolare attività fisica.

La ritenzione idrica è un disturbo molto più frequente di quanto si possa immaginare e si verifica quando l’organismo tende a trattenere i fluidi, provocando così gonfiori addominali, e l’accumulo di liquidi in altre parti del corpo come mani, piedi, caviglie e gambe. Inoltre la ritenzione idrica è responsabile della cellulite.

Le cause

Le cause che portano a sviluppare questa problematica sono molteplici, tra queste segnaliamo: la sedentarietà, la carenza di magnesio e un’alimentazione scorretta. È ancora credenza diffusa che per contrastare la ritenzione idrica sia necessario ridurre l’assunzione di liquidi, non c’è niente di più sbagliato.

Pensare di ridurre l’assunzione di liquidi non solo non aiuta a contrastare il fenomeno, ma può anche causare problemi fisici ancora più gravi. Per contrastare la ritenzione idrica e limitarne gli effetti è bene seguire alcuni consigli che riportiamo di seguito.

Attenzione al sale

Il sale è un alleato di ferro della ritenzione idrica, consumarne tanto, oltre a mettere a repentaglio la salute di cuore e vasi sanguigni contribuisce a far trattenere all’organismo fino a 1,5 litri di liquido extra al giorno. Di conseguenza è bene evitare di aggiungere troppo sale al cibo sia in fase di cottura che in tavola.

Limitare i carboidrati raffinati

Anche il consumo di carboidrati raffinati contenuti in alimenti come pane, pasta, focaccia, e prodotti dolciari contribuisce a incrementare l’accumulo di liquidi. Questo perché i carboidrati raffinati vengono immagazzinati come glicogeno nel fegato. Meglio sostituire i carboidrati raffinati con cibi più ricchi di fibre e nutrienti.

Più frutta e verdura

Il potassio è un elemento molto utile per contrastare la ritenzione idrica, ha infatti un effetto diuretico sull’organismo e favorisce il deflusso dei liquidi alleviando gli effetti della ritenzione idrica. Da qui il suggerimento di consumare alimenti ricchi di potassio come frutta e verdura: banane, noci e semi sono alcuni degli alimenti più indicati.

Attività fisica

Per star bene è necessario fare attività fisica non ci sono scappatoie. L’esercizio fisico di conseguenza è molto utile anche in questo caso. A volte basta anche solo fare delle lunghe passeggiate con regolarità per ottenere degli ottimi risultati. Muoversi favorisce la circolazione e, quindi, il deflusso dei liquidi in eccesso.

Andrea Carozzi

 

NON PERDERTI I NOSTRI ARTICOLI!
Per entrare a far parte della nostra community e rimanere aggiornato, iscriviti alla newsletter di Altraetà! Clicca il link qui sotto, inserisci nome, cognome e email, accetta la Privacy Policy e seleziona “Iscriviti alla nostra newsletter”. Una volta alla settimana riceverai sulla tua mail una selezione delle migliori notizie sul mondo over 50! È gratis, comodo e veloce. E in ogni momento puoi scegliere di disiscriverti! CLICCA QUI

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here