Grazie alla ricerca medico scientifica sono sempre di più gli studi che mirano a verificare le relazioni positive che possono nascere tra l’alimentazione e la cura o il contenimento di alcune patologie che si sviluppano con l’avanzare dell’età. Una recente indagine portata avanti dall’Università della Finlandia Orientale ha rilevato che consumare una modesta quantità di ribes nero può tenere sotto controllo la glicemia, migliorando la risposta glicemica dopo i pasti. Questa indagine pone così il piccolo frutto nella lista degli alimenti anti-diabete.

Ribes nero, ne bastano 75 grammi per tenere sotto controllo la glicemia

La quantità di ribes nero da assumere per ottenere una risposta glicemica adeguata è molto più piccola rispetto a quanto si pensasse in precedenza. Bastano, infatti, 75 grammi di frutto alla fine di ogni pasto per ottenere dei risultati evidenti. Durante le rilevazioni, infatti, i ricercatori hanno notato che l’effetto benefico relativo alla risposta post pasto poteva essere ottenuto con 75 grammi di ribes nero, una porzione più piccola di quella calcolata da altri studi effettuati in passato. L’influenza benefica che ha il ribes nero sulla risposta glicemica è infatti nota da tempo, ma il nuovo studio è riuscito ad ottenere dati più precisi.

Le sue proprietà benefiche dipendono dagli antociani

Secondo i ricercatori, l’effetto che il ribes nero ha sulla risposta glicemica è dovuto ai composti polifenolici denominati antociani di cui lo stesso ribes nero è molto ricco.

Ribes nero, un frutto molto diffuso

Il ribes è una pianta delle grossulariaceae diffusa in Europa, in Nordamerica e in Asia. Dello stesso genere fanno parte tantissime specie e una delle più note è proprio la specie Ribes nigrum, il cui frutto chiamato ribes nero proprio a causa del suo colore nero esistono anche il ribes bianco e il ribes rosso. Ma è il ribes nero ad avere una maggiore incidenza sulla risposta glicemica.

Può essere consumato con lo zucchero

Essendo abbastanza acido, il ribes viene consumato di solito con un po’ di zucchero. Secondo gli autori dello studio, questa usanza non compromette gli effetti benefici del ribes nero a patto di non esagerare con la quantità di zucchero aggiunto. Un cucchiaino e mezzo può bastare.

Andrea Carozzi

 

NON PERDERTI I NOSTRI ARTICOLI!

Per entrare a far parte della nostra community e rimanere aggiornato, iscriviti alla newsletter di Altraetà! Clicca il link qui sotto, inserisci nome, cognome e email, accetta la Privacy Policy e seleziona “Iscriviti alla nostra newsletter”. Una volta alla settimana riceverai sulla tua mail una selezione delle migliori notizie sul mondo over 50! È gratis, comodo e veloce. E in ogni momento puoi scegliere di disiscriverti! CLICCA QUI

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here