Nel mese di dicembre 2020 si sono registrati 1,25 milioni di nuclei familiari beneficiari di Reddito/Pensione di cittadinanza, con 2,9 milioni di persone coinvolte e un importo medio di 528 euro. Lo ha comunicato l’INPS attraverso un comunicato stampa.

Osservatorio reddito e pensione di cittadinanza: i dati

L’incremento rilevato dall’Istituto della Previdenza Sociale e del 3,3% sul mese precedente (1.249.809 beneficiari rispetto ai 1.209.381 di novembre).L’Inps, ha sottolineato che “il 61% dei nuclei percettori con il 65% delle persone coinvolte (764.697 nuclei, 1.871.651 persone) risiede al Sud e nelle isole con un importo medio superiore del 7% sulla media nazionale, mentre per i nuclei residenti al Centro (194.127 nuclei, 402.665 persone) e al Nord (290.985 nuclei, 583.930 persone) l’importo risulta inferiore dell’8% e del 14% sulla stessa media”.

Stando ai dati diffusi, a livello nazionale, la media dell’importo erogato per Reddito di cittadinanza è di 573 euro, mentre è di 253 euro per Pensione di cittadinanza.

Pensione di cittadinanza, anche le casalinghe possono riceverla


È bene ricordare che secondo il dettato della Legge 4/2019 la pensione di cittadinanza raggiunge i contribuenti più anziani di età pari o superiore a 67 anni. Pertanto anche le casalinghe possono richiedere la pensione di cittadinanza se hanno raggiunto i 67 anni di età. A ciò si deve tuttavia aggiungere il possesso di altri requisiti reddituali patrimoniali e di cittadinanza.

Pensione di cittadinanza i requisiti per le casalinghe 

Per ottenere la pensione di cittadinanza le casalinghe devono avere:

  • Un reddito inferiore a 9.360 euro
  • Valori immobiliari inferiori a 30.000 euro
  • Valori mobiliari non oltre i 6.000 euro.
  • Inoltre all’interno del nucleo familiare nessun componente deve possedere un’auto di cilindrata superiore a 1.600 cc con immatricolazione risalente al semestre precedente.

Ecco come richiederla

Il contribuente o la contribuente che desidera richiedere la pensione deve recarsi presso gli sportelli delle Poste, i Caf o i Patronati, ma può anche avvalersi dei servizi online. Per inviare la domanda per via telematica deve munirsi di SPID o di Carta di identità elettronica e presentare la documentazione necessaria. Pertanto occorre richiedere l’attestazione ISEE in corso di validità e compilare il modello RdC/PdC-Com ridotto o esteso.

Andrea Carozzi

 

NON PERDERTI I NOSTRI ARTICOLI!

Per entrare a far parte della nostra community e rimanere aggiornato, iscriviti alla newsletter di Altraetà! Clicca il link qui sotto, inserisci nome, cognome e email, accetta la Privacy Policy e seleziona “Iscriviti alla nostra newsletter”. Una volta alla settimana riceverai sulla tua mail una selezione delle migliori notizie sul mondo over 50! È gratis, comodo e veloce. E in ogni momento puoi scegliere di disiscriverti! CLICCA QUI

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here