Prevezione e ricerca, l’intervista a Giori, ad di ASG Superconductors

Prevenzione e sanità. altraeta.it ne ha parlato con Vincenzo Giori, amministratore delegato di ASG Superconductors, società della famiglia Malacalza, che da anni progetta e realizza magneti e superconduttori per la ricerca nella fisica delle alte energie, per la fusione termonucleare, l’ottimizzazione delle reti elettriche e per le applicazioni mediche.

L’occasione dell’incontro è stata la presentazione al pubblico e alla stampa di ASG Power Systems LTD, nuova azienda del gruppo, con sede a Newcastle, che si occuperà di automazioni per servizi elettronici e tecnici.

Dott. Giori, quanto è importante investire in ricerca?

Investire in ricerca aiuta a prevenire i problemi di salute, soprattutto oggi con l’allungamento delle aspettative di vita. Lo dico con convinzione: ad esempio, una delle nostre aziende controllate da ASG, Paramed, offre un servizio di risonanza magnetica “a cielo aperto” – senza, quindi, il classico foro in cui sdraiarsi – attraverso la quale è possibile fare esami su posizioni critiche. Parlando di ricerca, porto un esempio interessante dal punto di vista della prevenzione: abbiamo fatto un accordo con Cus Genova, grazie al quale verranno fatti studi su atleti di rugby per vedere come sono sollecitate le strutture ossee e muscolari dei giocatori durante una mischia.

Studi, quindi, utili anche per persone che hanno problemi di mobilità?

Assolutamente! Ad esempio, uno dei nostri clienti che ha sede ad Alberta, in Canada, sviluppa lo studio HSR, una ricerca specializzata sull’anca. Sicuramente la prevenzione, attraverso un sistema di analisi, in queste condizioni di allungamento delle aspettative della vita, è uno strumento necessario e appropriato.

ASG Superconductors collabora, in Italia e all’estero, con le principali aziende di settore e con i maggiori Istituti e centri di ricerca scientifici. L’azienda insieme alle controllate Columbus Superconductors (cavo superconduttivo ad alta temperatura in MgB 2 – Diboruro di Magnesio) e Paramed Medical Systems (risonanza magnetica “aperta” di nuova generazione anti claustrofobia e cryogen free) è parte della filiera hi-tech della superconduttività sviluppata dal 2001.

Oggi la filiera occupa circa duecento dipendenti con quattro stabilimenti in Liguria e sedi secondarie negli Stati Uniti e in Inghilterra. Il cavo superconduttivo di nuova generazione di Columbus incontra crescente interesse nel mondo della ricerca e delle applicazioni industriali mentre MROpen, il sistema di risonanza magnetica aperta di Paramed, è stato venduto in diversi paesi nel mondo tra cui America, Inghilterra e Canada.

Redazione

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here