Caldo e afa contribuiscono senza dubbio ad aumentare i disagi fisici di chi soffre di pressione bassa. Sebbene non si tratti di una patologia grave come la più pericolosa pressione alta, questa condizione può comunque provocare svenimenti, offuscamento della vista e debolezza diffusa. Vediamo quindi che cosa comporta e come poter contrastare i sintomi.

Pressione bassa, quando si manifesta?

Per pressione bassa, o ipotensione,  si intende una condizione fisica nella quale i valori pressori a riposo sono più bassi della norma. Nello specifico, un individuo ne soffre quando la sua pressione arteriosa a riposo scende al di sotto dei 90/60 mmHg.

L’ipotensione  è un disturbo piuttosto diffuso ed è frequentemente associato a stanchezza generalizzata, capogiri, senso di svenimento, confusione e visione offuscata. Può dipendere da vari fattori, tra cui: la genetica, l’attività fisica costante, alcune malattie e, soprattutto dopo una certa età, l’assunzione di certi farmaci.

Pressione bassa: gradi di gravità

Esistono diversi gradi

  1. Lieve: una pressione inferiore a 90/60 mmHg ma superiore a 60/40 mmHg.
  2. Intermedio: una pressione inferiore a 60/40 mmHg ma superiore a 50/33 mmHg.
  3. Severo: una pressione inferiore a 50/33 mmHg.

Una pressione bassa di grado lieve è spesso priva di significato clinico, soprattutto se non si accompagna ad alcun sintomo. Al contrario, una di grado intermedio o, peggio ancora, una di grado severo sono, generalmente, il segnale di un malfunzionamento dell’organismo.

Per fare fronte alle temperature più alte durante la stagione estiva, l’organismo tende ad abbassare naturalmente la pressione sanguigna e questo si traduce in disagi maggiori per chi è ipoteso. Di solito i soggetti maggiormente colpiti sono over 60.

Rimedi contro la pressione bassa d’estate

Fermo restando che per qualsiasi rimedio contro una patologia è bene consultare il proprio medico di fiducia, se si soffre di ipotensione (di grado lieve) durante il periodo estivo è bene  aumentare la quantità di acqua bevuta giornalmente, meglio se ricca di sali minerali. È consigliato anche evitare il consumo eccessivo di alcolici e di caffeina, evitare pasti troppo abbondanti e non alzarsi troppo repentinamente dalla posizione sdraiata a quella eretta al fine di evitare i fastidiosissimi capogiri. Inoltra, d’estate indossare calze elastiche compressive potrebbe aiutare a combatterla.

Andrea Carozzi

NON PERDERTI I NOSTRI ARTICOLI!
Per entrare a far parte della nostra community e rimanere aggiornato, iscriviti alla newsletter di Altraetà! Clicca il link qui sotto, inserisci nome, cognome e email, accetta la Privacy Policy e seleziona “Iscriviti alla nostra newsletter”. Una volta alla settimana riceverai sulla tua mail una selezione delle migliori notizie sul mondo over 50! È gratis, comodo e veloce. E in ogni momento puoi scegliere di disiscriverti! CLICCA QUI

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here