fbpx

Porro, l’ortaggio gustoso alleato della salute del cuore

Spesso viene utilizzato come sostituto di aglio e cipolla nella preparazione di piatti e pietanze grazie al suo sapore delicato e alla sua digeribilità. Stiamo parlando del porro, l’ortaggio che, oltre a essere gastronomicamente versatile, è anche ricco di proprietà benefiche.

Un vero toccasana per l’organismo

Il porro è costituto prevalentemente da acqua ma si presenta ricco di fibre, proteine e zuccheri. Può essere gustato sia crudo che cotto (anche se la cottura lo priva di alcuni macronutrienti) e rappresenta per l’organismo una fonte preziosa di sali minerali come potassio, magnesio, selenio, fosforo, rame, ferro, sodio, calcio, manganese, aminoacidi, acido folico e vitamine.

I benefici del porro per il corpo umano

Grazie ai macronutrienti contenuti, i porri aiutano a rafforzare il sistema immunitario rifornendo l’organismo di vitamine C, B6 e B9 il che rende il consumo di questi ortaggi un ottimo coadiuvante per respingere l’attacco di virus e batteri soprattutto durante la stagione invernale.

Un alimento amico della linea

Essendo composto in prevalenza da acqua, il porro aumenta il senso di sazietà e aiuta ad assumere poche calorie. Per questo viene inserito in molte diete ipocaloriche e dimagranti inoltre è particolarmente indicato per contrastare la ritenzione idrica e le coliche renali. Nell’antichità il succo del porro veniva utilizzato come rilassante naturale o come rimedio contro l’insonnia.

L’alleato del cuore che aiuta a diminuire il colesterolo

Consumare porri contribuisce inoltre a mantenere bassi i livelli di colesterolo cattivo nel sangue, e a prevenire le principali malattie cardiovascolari, come l’infarto, l’ictus e l’ipertensione. Questo perché il porro è ricco di flavonoidi che combattono l’azione dei radicali liberi. Anche l’apparato digerente viene influenzato positivamente dall’azione dei macronutrienti presenti naturalmente nei porri; le fibre in particolar modo contribuiscono a regolarizzare il transito intestinale, facilitando il processo digestivo.

Le controindicazioni

Nonostante sia un ortaggio dai mille benefici, chi soffre di pressione bassa, di calcoli urinari o di incontinenza dovrebbe consumarlo con moderazione così come chi soffre spesso di coliti o ha l’intestino irritabile.

Andrea Carozzi

NON PERDERTI I NOSTRI ARTICOLI!
Per entrare a far parte della nostra community e rimanere aggiornato, iscriviti alla newsletter di Altraetà! Clicca il link qui sotto, inserisci nome, cognome e email, accetta la Privacy Policy e seleziona “Iscriviti alla nostra newsletter”. Una volta alla settimana riceverai sulla tua mail una selezione delle migliori notizie sul mondo over 50! È gratis, comodo e veloce. E in ogni momento puoi scegliere di disiscriverti! CLICCA QUI

L'articolo ti è piaciuto? Condividilo sui social!

Iscriviti alla newsletter

Se ti è piaciuto questo contenuto iscriviti alla Newsletter ed entra a far parte della Community di Altraetà: una volta alla settimana riceverai sulla tua mail una selezione delle migliori notizie sul mondo over 50.

Più letti

Potrebbe interessarti anche

Iscriviti alla newsletter e rimani sempre aggiornato sul mondo over 50

Utente registrato correttamente!