fbpx

Pensioni: ecco per chi scatta il taglio degli assegni da agosto

Pensioni, riforma strutturale: donna mette moneta in salvadanaio

Ad agosto, settembre e ottobre, l’importo di alcune pensioni potrebbe essere più basso del solito. Un “taglio” che potrebbe essere annunciato già dalle cifre contenute nella prossima dichiarazione dei redditi. Spieghiamoci meglio.

Pensioni: l’importo potrà essere minore per via del 730

L’eventuale taglio sugli assegni potrebbe partire già dal mese di agosto, ovvero quando verranno effettuati i primi conguagli 730. In pratica, qualora dalla presentazione del modello dovesse risultare un importo a debito, sarà il Fisco a recuperare quanto dovuto rifacendosi direttamente sul cedolino della pensione.

Assegni più bassi per il conguaglio. Ma perché?

Come tutti gli anni, se delle somme dovessero essere restituite dai pensionati all’Agenzia delle Entrate, quest’ultima procederebbe con il recupero automatico per riottenerle. I dipendenti, i pensionati e altri soggetti individuati dal legislatore possono ricevere eventuali rimborsi fiscali direttamente dal datore di lavoro con la busta paga o dall’ente pensionistico con la pensione, utilizzando il modello 730 in luogo del modello Redditi. Lo stesso avviene, ma al contrario, quando ci sono somme a debito, del contribuente nei confronti dell’Amministrazione finanziaria, attraverso un conguaglio automatico su busta paga o pensione.

Pensioni e conguaglio, il Covid ha rimescolato le carte

La proroga relativa all’invio della dichiarazione dei redditi a seguito dell’emergenza Covid ha fatto estendere anche i termini relativi ai conguagli 730. Pertanto, se fino allo scorso anno il meccanismo prevedeva il recupero o il versamento delle somme entro il mese di agosto – ovvero entro due mesi dalla denuncia dei redditi quest’anno le cose sono cambiate. Ecco come: dal 10 maggio dipendenti e pensionati hanno accesso al 730 precompilato, con possibilità di invio dello stesso entro il 30 settembre 2021. In questo caso, i rimborsi e i recuperi delle somme sulle pensioni potranno partire da agosto 2021. Di conseguenza, i pensionati che hanno presentato dichiarazione dei redditi entro il 31 maggio 2021 potrebbero vedere gli importi del proprio assegno scendere a causa del conguaglio a partire da agosto 2021.

Pensioni e conguagli scaglionati

Chi ha inviato il 730 entro il 31 maggio sarà interessato dal conguaglio ad agosto. Per chi invierà la dichiarazione dei redditi entro il 31 settembre 2021 i conguagli verranno effettuati entro novembre 2021.

Andrea Carozzi

L'articolo ti è piaciuto? Condividilo sui social!

Iscriviti alla newsletter

Se ti è piaciuto questo contenuto iscriviti alla Newsletter ed entra a far parte della Community di Altraetà: una volta alla settimana riceverai sulla tua mail una selezione delle migliori notizie sul mondo over 50.

Più letti

Potrebbe interessarti anche

Iscriviti alla newsletter e rimani sempre aggiornato sul mondo over 50

Utente registrato correttamente!