Pensioni di aprile, l’assegno è più basso a causa dell’Irpef

Nel 2021 Quota 100 subirà delle modifiche

Come da “abitudine pandemica” il pagamento delle pensioni di aprile 2021 è stato anticipato e i pagamenti sono cominciati lo scorso 26 marzo per terminare l’1 aprile grazie all’ampliamento della rete e degli orari degli uffici postali attivi su tutto il territorio nazionale.

Al contrario, i titolari di un libretto di risparmio, di un conto BancoPosta o di una Postepay Evolution si sono visti accreditare la somma dovuta già il 26 marzo. Non si sa per quanto resterà in vigore il pagamento scaglionato delle pensioni, molto probabilmente sarà necessario aspettare la fine della pandemia. Ma non è detto che questo sistema, che rende gli uffici postali meno congestionati, non sopravviva all’emergenza sanitaria.

Pensioni di aprile: il cedolino riporta cifre più basse

Guardando il proprio cedolino molti pensionati si sono accorti che anche nel mese di aprile i conguagli e le trattenute da parte dellInps non sono mancati. Per le pensioni di importo elevato, si prosegue col piano di recupero in caso di conguaglio negativo sul 2020. A marzo è stata recuperata la seconda rata e da qui alla fine dell’anno ne verranno recuperate altre due.

Addizionali regionali

Anche chi non è titolare di una super pensione si è visto decurtare l’importo pensionistico. Per la stragrande maggioranza dei pensionati il cedolino di aprile è stato decurtato a causa dell’Irpef e delle addizionali regionali e comunali relative al 2020.

Così, per i pensionati che percepiscono un assegno di 18.000 euro su base annuale con un ri-calcolo basato sull’Irpef che dà esito a un conguaglio negativo di circa 100 euro, il prelievo a rate parte da aprile e verrà esteso fino a novembre.

Pensioni: il pagamento del cedolino di maggio

Come stabilisce l’ordinanza numero 740 del 12 febbraio 2021 anche il versamento della pensione di maggio verrà versato in anticipo e in maniera scaglionata a cominciare dall’ultima settimana di aprile. Ma per il calendario ufficiale è necessario aspettare la comunicazione ufficiale dell’Inps.

Andrea Carozzi

NON PERDERTI I NOSTRI ARTICOLI!
Per entrare a far parte della nostra community e rimanere aggiornato, iscriviti alla newsletter di Altraetà! Clicca il link qui sotto, inserisci nome, cognome e email, accetta la Privacy Policy e seleziona “Iscriviti alla nostra newsletter”. Una volta alla settimana riceverai sulla tua mail una selezione delle migliori notizie sul mondo over 50! È gratis, comodo e veloce. E in ogni momento puoi scegliere di disiscriverti! CLICCA QUI

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here