Parigi…in pillole

È la città dell’amore per antonomasia e la sua tour è lo scenario di alcuni dei film più romantici di tutti i tempi. Ovviamente stiamo parlando di Parigi. La città dei poeti maledetti non è solo lo scenario ideale per le giovani coppie innamorate, ma, con la sua multiculturalitàe i suoi quartieri così differenti l’uno dall’altro, rappresenta una splendida meta per chiunque ami l’atmosfera delle grandi città europee.

Nel caso abbiate solo pochi giorni per visitare la città, ecco a voi il decalogo dei luoghi che non potete assolutamente perdervi:

Montmartre: quartiere celebre per la sua atmosfera bohemienne. Qui, durante l’Ottocento, vivevano i borghesi amanti del Moulin Rouge e gli artisti squattrinati in cerca di fortuna. Di qui vi passarono Van Gogh, Picasso e Modigliani.

Il Louvre: il museo per eccellenza e sebbene probabilmente andiate là per vedere la Gioconda rimarrete stupiti dalle meraviglie custodite in tutti i piani del museo. Louvre Potrete acquistare all’entrata il biglietto per un giorno, per due o per tre. Aperto tutti i giorni dalle 9 alle 18, il mercoledì e il venerdì fino alle 22.

La Tour Eiffel: questo monumento in ferro che simbolicamente si tende per toccare il cielo è stata al centro di molte discussioni sin dalla sua creazione nel marzo del 1889. Qualunque possa essere il vostro gusto rimane però innegabile che la Tour Eiffel rappresenti uno dei simboli di Parigi e per tale ragione meriti una visita oltre ad essere il monumento più frequentato al mondo con oltre 6 milioni di visitatori all’anno. Durante la notte nei primi 10 minuti di ogni ora viene inoltre messo in scena un gioco di luci.

Notre Dame: è il centro della Francia, perché proprio davanti al suo ingresso si trova il Punto Zero, ovvero la stella di bronzo dalla quale vengono calcolate tutte le distanze stradali della Francia. La sua storia è stata tormentata e in molte epoche ha rischiato di essere demolita, salvandosi grazie alla volontà di qualche parigino potente. Il suo fascino è stato definitivamente celebrato da Victor Hugo nel suo “Notre Dame di Parigi”.

La Reggia di Versailles: sfarzo e regalità sono le caratteristiche principali di questa meravigliosa reggia nata dalla volontà di Luigi XVI, il Re Sole, che si voleva allontanare da Parigi per timore di congiure dei nobili francesi. Le stanze hanno il nome dei pianeti e gravitano intorno alla sala principale – e Camera del trono del re – denominata Salone di Apollo.

La Sainte Chapelle: costruita per volontà di Luigi IX per custodire uno dei pezzi della Croce Santa, uno dei chiodi della Croce di Cristo e la corona di spine. Le reliquie, non ancora riconosciute dalla Chiesa cattolica sono attualmente custodite a Notre Dame. La Cappella mantiene comunque il suo fascino e rimane uno dei massimi esempi di architettura gotica

Il mercato delle pulci Saint Ouen: oggetti singolari, piccolo antiquariato, vestiti vintage, dischi e locandine. Potrete trovare davvero di tutto a Saint Ouen, da oggetti senza alcun valore a veri e propri affari. Il mercatino si svolge ogni settimana da venerdì a domenica ed è un ottimo modo di trascorrere una giornata avvolti dall’atmosfera parigina.

g.n. redazione@altraeta.it

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here