Nonni in salute, nipoti preoccupati: il confronto tra over 65 e caregiver

In Italia gli over 65 godono di buona salute, sono attivi nel tempo libero e autonomi nella gestione finanziaria, economicamente in grado di soddisfare le proprie esigenze e di aiutare la famiglia. Ma figli e nipoti che se ne prendono cura, i cosiddetti “family caregiver”, sono preoccupati per la loro autonomia e per le situazioni di emergenza.

Il panorama emerge dalla ricerca “Smart Aging: over 65 e family caregiver a confronto”. Lo studio è stato realizzato da Lexis Research per Europ Assistance con il contributo scientifico di Humanitas.

In totale sono state effettuate 1.300 interviste, dalle quali è emerso in particolare che più della metà degli over 65 vive con il proprio partner. Circa l’85% ha figli, ma il 15% li vede poco. Tra gli altri dati principali, per una buona maggioranza (59%) gli over 65 hanno una vita attiva e il 45% ha fatto una vacanza nell’ultimo anno. Il 72% usa internet per comunicare e il 37% è attivo sui social.

Ma se la maggior parte degli over 65 tende a percepirsi in uno stato di salute abbastanza buono (intorno all’80%), diversa è la percezione dei caregiver, che sono invece preoccupati per la loro autonomia: la loro salute è il primo pensiero per i figli e nipoti, con il 68% di loro che afferma di aver affrontato almeno una volta uno stato di emergenza generato dal genitore, come una malattia o un ricovero. Preoccupa decisamente meno l’aspetto economico della gestione dell’emergenza legata al genitore/parente anziano: quello che serve davvero a chi si occupa di un over 65, soprattutto in caso di emergenza, è un più che altro un supporto organizzativo.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here