fbpx

Mutui, il 10% dei richiedenti ha più di 55 anni

Il dato emerge dall’indagine sui mutui effettuata dall’Ufficio Studi del Gruppo Tecnocasa

Quasi il 10% di chi sottoscrive mutui ipotecari ha più di 55 anni. È il dato che emerge dall’indagine sul settore effettuata dall’Ufficio Studi del Gruppo Tecnocasa.

La rilevazione, riferita all’anno 2020, prende in esame parametri quali area di provenienza, localizzazione in cui è avvenuta la stipula, età anagrafica e professione di tutti coloro che hanno sottoscritto un finanziamento ipotecario attraverso le agenzie a marchio Kìron ed Epicas.

Area di provenienza

Nel nostro Paese vengono finanziati principalmente cittadini italiani, il 77,5% dei mutui è stato erogato a persone di origine italiana, ma stanno aumentando le percentuali degli stranieri: attualmente quasi il 13,2% è rappresentato da cittadini europei e 9,4% da immigrati extra-europei. Le nazionalità più rappresentate sono quelle rumena, albanese e moldava, mentre la maggior parte dei non europei proviene dall’Asia, seguiti a brevissima distanza dai latinoamericani e dagli africani.

Area erogazione mutuo

Puntando l’attenzione sull’area in cui i soggetti hanno stipulato il mutuo, si evince che la maggiore concentrazione è nella macroarea settentrionale con il 59,0%. Seguono a molta distanza Italia Meridionale e Italia Centrale con valori rispettivamente del 16,7% e del 16,2%. Solo l’8,1% sottoscrive un mutuo nelle isole.

Età anagrafica

L’età media di chi ha sottoscritto un mutuo nel 2020 è 40,4 anni. L’analisi per fasce d’età mostra come sia la popolazione più giovane a fare un maggior ricorso al mutuo. C’è una leggera preponderanza dei 35-44enni rispetto agli under 35: la prima fascia incide per il 35,9%, quella più giovane pesa invece il 33,0%.

Il 21,5% ha tra i 45 e i 54 anni, l’8% tra i 55 e i 64 anni, mentre solo l’1,6% ha più di 65 anni.

Professione

Dall’analisi della professione del mutuatario emerge che la sicurezza economica è tra gli elementi fondamentali richiesti dagli istituti di credito per erogare un finanziamento. Tale caratteristica identifica l’85,6% del campione (dipendenti a tempo indeterminato e pensionati), a fronte dell’8,7% di chi ha un contratto di lavoro flessibile (liberi professionisti/lavoratori autonomi e titolari d’azienda) e del 2,7% di lavoratori a tempo determinato.

L'articolo ti è piaciuto? Condividilo sui social!

Iscriviti alla newsletter

Se ti è piaciuto questo contenuto iscriviti alla Newsletter ed entra a far parte della Community di Altraetà: una volta alla settimana riceverai sulla tua mail una selezione delle migliori notizie sul mondo over 50.

Più letti

Potrebbe interessarti anche

Iscriviti alla newsletter e rimani sempre aggiornato sul mondo over 50

Utente registrato correttamente!