fbpx

Montagna, il match perfetto tra funivie e terme

Chiunque abbia inventato la frase “guardare le cose da un’altra prospettiva”, sicuramente deve aver provato il brivido dell’altezza. Dello lo stare sospesi tra le montagne, sognando di volare come le aquile, dell’osservare realmente le cose “dall’alto al basso”. Questo è il vero significato della montagna: quella pace interiore che raggiungiamo davvero solo quando l’aria si…

Chiunque abbia inventato la frase “guardare le cose da un’altra prospettiva”, sicuramente deve aver provato il brivido dell’altezza. Dello lo stare sospesi tra le montagne, sognando di volare come le aquile, dell’osservare realmente le cose “dall’alto al basso”.

Questo è il vero significato della montagna: quella pace interiore che raggiungiamo davvero solo quando l’aria si fa rarefatta e il mondo acquista proporzione. Quella sensazione di poter vedere bene solo dai 2.000 metri in su.

Se è questo che provate quando salite sopra una montagna, non potete non provare le nuove funivie del Monte Bianco. Inaugurate ufficialmente il 23 giugno, con la presenza del Presidente del Consiglio Matteo Renzi, sono state costruite in 4 anni e con un investimento di 138 milioni di euro.

Alte 3.500 metri sopra il livello del mare, sono tra le opere più avvenieristiche mai costruite in montagna, non solo per la loro spettacolarità, ma anche per la progettazione high-tech e per la loro avanguardia.

Per la loro costruzione, un gruppo di operai ha lavorato giorno e notte ai 3452 metri di quota di Punta Helbronner, costruendo la struttura a cristallo della stazione di arrivo e collegandovi cabine rotanti e vetrate a 360° che permettono di vedere tutta la valle sottostante.

Se dovessero chiedere di descrivere il progetto in un’unica parola, sarebbe SPETTACOLARE. Spettacolare come può essere l’idea di venire trasportati a 3.500 metri di altezza da cavi di acciaio e cabine. Spettacolare come solo le più brillanti invenzioni umane sanno essere.

Se volete godere di questo panorama mozzafiato e provare il brivido dell’altezza e quello ancora più vibrante, della libertà, fermatevi qualche giorno per assaporare il paesaggio.

Un weekend di relax che potete dividervi tra un respiro di aria pura e un soggiorno alle terme. L’hotel termale QC Terme Prè Saint Didier, che ha già ospitato una mostra relativa al cantiere di costruzione delle terme, mette a disposizione di coloro che soggiorneranno presso la struttura nei mesi di giugno e luglio, un giro gratuito sulle giostre: ovvero una salita gratuita sulla nuova funivia.

SPA, come salus per aquam, il motto romano secondo il quale l’acqua era la cura per molti mali: è questo che si prefigge QC Terme, curare alcuni dei mali moderni, come lo stress, l’ansia, la frenesia. Tra cascate tonificanti, idromassaggi con acqua termale e saune-chalet in legno, che profumano di montagna.

Un match quantomai azzeccato tra il caldo dell’acqua termale e il fresco che si respira, anche nei mesi estivi, sulle meravigliose vette alpine.

Un’esperienza da vivere e assaporare nella sua piena completezza. Se decidete di andare fateci sapere come vi siete trovati!

L'articolo ti è piaciuto? Condividilo sui social!

Iscriviti alla newsletter

Se ti è piaciuto questo contenuto iscriviti alla Newsletter ed entra a far parte della Community di Altraetà: una volta alla settimana riceverai sulla tua mail una selezione delle migliori notizie sul mondo over 50.

Più letti

Potrebbe interessarti anche

Iscriviti alla newsletter e rimani sempre aggiornato sul mondo over 50

Utente registrato correttamente!