Menopausa: sintomi, curiosità e consigli

La menopausa è tra gli argomenti più cercati sul web dalle donne over 45. AltraEtà e Antiaging Club hanno deciso di dedicare alla menopausa uno speciale, ricco di informazioni e di consigli per affrontarla al meglio.

CURIOSITA’ SULLA MENOPAUSA:

Il termine menopausa deriva dal greco e indica appunto la fine del ciclo mestruale e dell’età fertile della donna.

L’essere umano non è l’unica specie animale soggetta alla menopausa: il fenomeno, infatti, è stato osservato anche in altri primati e nei cetacei.

Normalmente l’età in cui si riscontra la menopausa, è fra i 50 e i 52 anni come media mondiale, confermata come ad esempio gli Stati Uniti (51 anni esatti). Interessante sapere che questo periodo anagrafico non ha subito variazione nel corso dei secoli: infatti anche all’epoca dei Greci e dei Romani l’età si aggirava intorno ai 50 anni.

FATTORI AGGRAVANTI LA MENOPAUSA:

L’età anagrafica della menopausa può essere anticipata qualora siano presenti uno o più di questi fattori “aggravanti”:

  • Fumo
  • Alimentazione scorretta
  • Indice di massa corporea, se risulta inferiore a quello ideale;
  • Abuso di alcool
  • Bassa statura

SINTOMI DELLA MENOPAUSA:

I sintomi possono dividere a seconda del tempo in cui si manifestano, avendo quindi manifestazioni immediate, differite e le tardive.
Nella fase di manifestazione della menopausa i disturbi più frequenti sono:

Vampate di calore

Fra le manifestazioni a livello vasomotorio le vampate di calore sono le più frequenti.  La donna inizia a sudare improvvisamente e sente vampate di calore, tali episodi si riscontrano in 65-75% dei casi soprattutto nella fase del climaterio.  La durata del fenomeno che raramente supera i 6 minuti.  Si manifesta un arrossamento, che coinvolge la testa e le parti limitrofe ( viso, collo e nuca), mentre successivamente vi è un calo di temperatura fino ad una sensazione di freddo. Spesso le vampate persistono anche per cinque anni dalla menopausa (anche se generalmente durano 1-2 anni).

Depressione

Fra i fattori psicologici il più importante resta la depressione (la media calcolata è del 50% delle donne). Si pensa sia anch’essa un effetto della diminuzione degli ormoni, più precisamente della diminuzione dell’estradiolo, un ormone che viene prodotto dalle ovaie durante il ciclo mestruale. Fra l’altro è stato notato come persista soprattutto all’inizio, quando una donna entra nello stato di menopausa.

Ansia, irritabilità, nervosismo

Tra i disturbi di tipo psicologico: ansia, irritabilità, nervosismo e disforia. Si assiste inoltre ad un invecchiamento neurologico della donna, con conseguente diminuzione delle capacità di concentrazione e di memoria.

Disturbi del sonno

Fra i disturbi legati alla attività di riposo notturna i più frequenti sono la difficoltà nell’addormentarsi. Nelle donne in menopausa si assiste spesso ad un sonno agitato, capita sovente che si sveglino durante la notte.

Aumento del peso:

Nelle donne in menopausa è frequente un aumento del peso. La fine dell’età fertile segna infatti una diminuzione significativa dei bisogni energetici, a partire dalla riduzione del metabolismo basale, cioè dell’energia necessaria al corpo per lo svolgimento delle funzioni vitali. Anche il fabbisogno di ferro si riduce, con la cessazione dei flussi mestruali. Tutti questi cambiamenti posso così tradursi, in un aumento di peso generalmente legato a una diversa localizzazione del tessuto adiposo, che da fianchi e cosce tende a spostarsi a livello addominale.

Orticaria

Fra le manifestazioni minori si può mostrare anche orticaria

Altre manifestazioni difterite:

In una fase successiva iniziano a manifestarsi i seguenti disturbi:

Assottigliamento del derma

Si tratta di modifiche a livello cutaneo: l’epidermide e il derma si assottigliano, con una diminuzione del collagene.Tali variazioni provocano varie atrofie, che non riguardano soltanto l’apparato genito-urinario ma anche la cute in genere, diventando meno elastica e disidratata, ciò causa un aumento delle rughe e sensazioni di prurito.

Diminuzione del desiderio sessuale

Molti studi hanno dimostrato che con i cambiamenti ormonali della menopausa il desiderio sessuale nelle donne diminuisce. Vi è inoltre un aumento nella difficoltà nel praticare l’attività sessuale (si mostra la dispareunia, il dolore vaginale quando si tenta una penetrazione),  disorgasmia e bruciore dopo il rapporto sessuale

Sindrome urologica

Per quanto riguarda l’atrofia vaginale, spesso tale evento si accompagna con cistiti e uretriti, essa porta spesso a quella che viene definita come la sindrome urologica della menopausa. Tale sindrome è caratterizzata dai seguenti elementi:

  • Tenesmo
  • Disuria
  • Pollachiuria
  • Nicturia (meno frequentemente)
  • Urocoltura negativa

Data l’elevata sensibilità delle varie terminazioni nervose dell’apparato risulta sufficiente a volte il solo passaggio dell’urina per scatenare la sindrome, tali disturbi si ritrovano nel 50% delle donne al raggiungimento della menopausa.    

Ci sono poi manifestazioni tardive:

Nella fase finale si assistono a sintomi di carattere fisico caratteristici, fra i quali ci sono dolori muscolari, diminuzione della massa ossea all’origine dell’osteoporosi, calo di energia fisica, disturbi urinari. Recenti studi hanno anche rilevato un aumento della pressione arteriosa rispetto a quella delle donne fertili

DIETA DA SEGUIRE NELLA MENOPAUSA:

I cambiamenti dell’equilibrio ormonale e metabolico che accompagnano la menopausa modificano le esigenze energetiche e nutrizionali dell’organismo femminile. Diventa dunque necessario adattare la propria dieta per rispondere alle nuove esigenze e mitigare i disturbi legati a questa fase delicata.

Regole importanti da seguire:

Ridurre il consumo degli alimenti più ricchi di grassi e calorie e, al contrario, aumentare la normale razione di altri nutrienti, quali per esempio il calcio e la vitamina D.

Benché preziosi per il loro contenuto di calcio, attenzione a non esagerare con latte e formaggi. Un accorgimento utile è quello di preferire il latte scremato e, tra i formaggi, scegliere quelli a minor contenuto di grassi e sale.Consumare tutti i giorni e in abbondanza frutta fresca e ortaggi, preferendo l’olio d’oliva extravergine per il loro condimento. In particolare frutta e verdura contengono buone quantità di potassio e ridotte quantità di sodio, le caratteristiche ideali di una buona dieta conservativa.

Concesso il vino,  purché lo si beva solo ai pasti e in quantità moderate.

STILE DI VITA DA SEGUIRE IN MENOPAUSA:

In menopausa fumo, abuso di alcol, sedentarietà e sovrappeso rappresentano più che mai fattori di rischio.Dunque: alcool e fumo sono da eliminare completamente, mentre si raccomanda la pratica regolare di attività fisica.

Monia Trentarossi

1 COMMENT

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here