Menopausa e dieta: cosa mangiare e cosa evitare

Oggi vi parliamo di menopausa e dieta. C’è chi vive bene il momento della menopausa, senza sperimentare eccessivi fastidi e chi invece si ritrova a combattere con sintomi spiacevoli. Ma per tutte le donne, quando l’età della fertilità finisce, il corpo subisce una trasformazione, dovuta al cambiamento dei livelli di ormoni nel sangue. Per rispondere in maniera adeguata alle nuove esigenze dell’organismo e alleviare le problematiche legate a questo periodo della vita, è importante prestare attenzione agli alimenti con cui ci nutriamo. Alcuni aiutano a combattere i fastidi della menopausa mentre altri vanno assolutamente evitati.

La dieta, un aiuto per vivere con serenità la menopausa

I problemi che colpiscono la maggior parte delle donne una volta entrate in menopausa sono l’aumento del rischio osteoporosi, la tendenza a ingrassare, le vampate di calore, l’irritabilità e la secchezza della pelle. Il cibo, con i nutrienti che contiene, svolge un ruolo importantissimo per tenere a bada i fastidi tipici di questa età della vita. È fondamentale perciò inserire nella dieta alimenti che contrastano i sintomi negativi della menopausa e implementare le pietanze che rispondono alle nuove esigenze del corpo. Così, il binomio menopausa e dieta diventa un elemento centrale per la salute della donna.

Via libera a calcio, antiossidanti e vitamine

  1. Yogurt naturale. Spazio a calcio e vitamina D. Reintegrarli è importantissimo per contrastare la fragilità ossea. Quando infatti si entra in menopausa le ossa vanno incontro a una riduzione del 20% nei primi 30 mesi. Un po’ meno consigliati sono i latticini e il formaggio, perché incidono negativamente sull’aumento di peso e sulla presenza del colesterolo nel sangue. Questo non significa che vadano eliminati: basta prediligere quelli più magri e moderarsi.
  2. Soia. Consumare con moderazione la soia aiuta a tenere sotto controllo il colesterolo e le vampate di calore. Contiene infatti isoflavoni, che migliorano la circolazione del sangue e le funzioni ormonali.
  3. Mandorle. Le mandorle hanno numerosi effetti benefici. Sono indicate per le donne in menopausa perché contengono boro, una sostanza necessaria per metabolizzare in maniera corretta il calcio.
  4. Finocchio. Il finocchio, come altri alimenti ricchi di fitoestrogeni, esercita un effetto riequilibrante sui livelli ormonali. Oltre ad avere un’azione antiossidante, riduce vertigini e vampate, oltre ad essere un alleato della memoria.
  5. Alimenti ricchi di antiossidanti. Frutta, verdura, germe di grano, tè verde. Sono numerosi gli alimenti in cui è possibile trovare gli antiossidanti, sostanze fondamentali per combattere l’invecchiamento delle cellule.

Cibi e bevande da limitare

  1. Peperoncino e spezie. Bandierina rossa per i cibi piccanti e speziati. Peperoncino e spezie sono da evitare perché dilatano i vasi sanguigni e aumentano la sensazione di calore, rendendo le vampate ancora più difficili da gestire.
  2. Alcol. Anche le bevande alcoliche andrebbero evitate per le stesse ragioni delle spezie, perché aumenta il numero e l’intensità delle vampate di calore.
  3. Grassi di origine animale. Assumendo alimenti con grassi animali è semplici prendere peso e durante la menopausa dimagrire è ancora più difficile. Inoltre, incidono negativamente sulla pressione arteriosa.
  4. Caffeina. Purtroppo, anche la caffeina non aiuta con le vampate di calore. Anzi, essendo un eccitante, rende più frequente questo tipo di disturbi.
  5. Salumi. Quando si entra in menopausa il rischio cardiovascolare e di ipertensione arteriosa aumenta. Per questo è meglio evitare i cibi ricchi di sale come i salumi. Ma oltre a questi vanno ricordati gli alimenti conservati e il pesce affumicato.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here