Massimo Bellizzi, il nuovo direttore generale di Enav

Si certo, in Italia si invoca di affidare più ampie ed alte responsabilità ai giovani; anzi ai giovanissimi. Ma recenti ed approfondite ricerche su base mondiale hanno anche affermato che il momento della vita in cui pare si renda di più è quello degli “over 50”, con target della cosiddetta mezza età che si sta elevando e ne pone l’inizio addirittura ai 55 anni.

Lunga premessa per presentare uno dei personaggi più importanti per la sicurezza del volo e del trasporto aereo in Italia: Massimo Bellizzi che, dal primo dicembre prossimo, sarà nuovo direttore generale di Enav spa, l’ente preposto al controllo aereo dello spazio italiano e che è, appunto, un “over 50”.

La scelta della sua persona, spiega un comunicato della stessa Enav, deriva da “una matrice fortemente tecnico-operativa, con un profilo di comprovata esperienza professionale nell’ambito della gestione e controllo del traffico aereo maturata all’interno della stessa organizzazione aziendale”.

Uomo- azienda Bellizzi è romano, essendo nato nella capitale nel 1957. Presso l’ente dei controllori di volo è approdato nel 1995, mentre a partire dal gennaio 2010 è il responsabile dell’area operativa di Enav dove negli anni precedenti, dal 2006 al 2010, ha invece ricoperto l’incarico di responsabile delle operazioni di tutti gli aeroporti gestiti da Enav.

Il suo curriculum è di uomo che ha lavorato sul campo, avendo operato al Centro di Controllo d’Area di Roma ed unità organizzative di sede centrale ed essendo stato anche responsabile della direzione dell’Air Traffic Control di Milano.

Ha pure un passato nel settore militare, dal momento che dal 1988 al 1995 ha operato all’Ispettorato Telecomunicazioni ed Assistenza al Volo dell’Aeronautica Militare, dove peraltro ha iniziato la carriera nel 1980, con le…stellette.

Appassionato del mestiere, per lui gli inizi di carriera invece nel civile, sono stati all’aeroporto di Verona Villafranca proprio controllore di volo, evolvendo quindi la professione attraverso esperienza lavorativa e pratica propria di un controllore: dalla postazione in torre di controllo a quella per l’avvicinamento radar degli aerei e diventando infine controllore radar di Area, per finire alla gestione dei servizi di assistenza al volo.


Dino Frambati

 

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here