Le persone vivono sempre più a lungo, questo ormai è un dato di fatto. Ma con l’aumento dei senior cresce inevitabilmente anche il numero dei soggetti non più autosufficienti. Come tutelarsi? Con la Long Term Care. Ce ne parla Carlo Tenderini di Agenzia Generali Genova Piazza Dante, che sarà presente al Silver Economy Forum del 5-6-7 novembre. 

Di cosa si parla quando si discute di Long Term Care

Il concetto di long term care, ampiamente diffuso nei paesi anglosassoni, comprende i servizi destinati all’assistenza di lungo periodo per le persone non più autosufficienti. Questo concetto è sempre più associato al problema del rischio longevità: un rischio reale che purtroppo è ancora poco percepito, ma che rappresenta la vera sfida che dovremo affrontare nel prossimo futuro. Ancora oggi il supporto alle persone non autosufficienti si poggia sul ruolo della famiglia, con tutte le conseguenze, sia psicologiche che economiche, che questo comporta. Già adesso una famiglia ogni dieci ha una persona al suo interno non più autosufficiente e questa situazione non può che andare a peggiorare in futuro. L’allungamento della vita media infatti porta con sé la conseguenza che gli anni in cui saremo costretti ad affidarci alle cure dei nostri cari o di un terzo saranno sempre di più.

In che modo proteggere se stessi, i propri averi e la propria famiglia in vista della terza età? 

Per rispondere a questa domanda bisogna considerare, come anticipavo prima, che l’Italia vanta una delle aspettative di vita più lunghe del mondo. Considerando che nel tempo l’aspettativa di vita media crescerà sempre di più, bisogna tenere in considerazione le conseguenze che questo aspetto comporterà. Parliamo di 2,5 milioni di italiani anziani non autosufficienti,  2,8 milioni di familiari che si prendono cura di quest’ultimi e 900mila badanti (e più di 1 milione di colf) per un costo medio di 15.800€ all’anno per ogni badante.

Il sistema di assistenza sanitaria deve trovare un modo sostenibile per far fronte al cambiamento demografico che oggi è in atto. Ovviamente il cambiamento demografico va accompagnato anche al cambiamento di tutti i modelli sociali pre-esistenti, compresi quelli delle famiglie più piccole. Servirà quindi capire che si dovranno sostenere delle spese per coprire questi costi e sarà necessario capire come fare per realizzarlo. In quest’ottica intervengono le polizze long term care.

Quando è meglio iniziare a pianificare i propri anni di argento, per non arrivare impreparati? 

In questo contesto in cui sempre più persone anziane necessitano di supporto e per cui l’assistenza statale sarà insufficiente, diventa fondamentale organizzarsi in tempo per assicurarsi un’assistenza efficace durante la terza età. Quasi tutti sanno che esistono polizze che pagano le spese mediche, ma l’idea che esista una copertura che si impegni al pagamento delle spese domiciliari o di una casa di riposo per persone non autosufficienti non è così familiare.

Quindi consiglio di partire il prima possibile in modo da prepararsi una copertura senza che oggi crei una difficoltà sul reddito e che domani consenta di vivere la vecchiaia con tranquillità. Oggi le nostre coperture possono essere sottoscritte dal compimento dei 30 anni di età e poi. In ogni caso, seppur si è finito di pagare il premio si ha copertura a vita intera.

Cosa offre Lungavita Long Term Care di Generali? 

Un’integrazione economica importante alle prestazioni fornite dal sistema pubblico, che aiuti ad avere le cure più idonee e la libertà di scegliere l’assistenza che si preferisce: in casa o in una struttura specializzata. Un aiuto concreto per non consumare i risparmi della famiglia e per non pesare sui propri cari. Un banale incidente o una malattia degenerativa infatti possono compromettere per sempre la propria indipendenza ma Lungavita Long Term Care è la soluzione che offre la tranquillità economica propria e il sollievo di non dover andare a pesare sui propri cari, grazie ad una rendita vitalizia rivalutabile che possa sempre essere al passo con i tempi e intervenire quando non sarà più possibile prendersi cura di sé.

Micol Burighel

 

NON PERDERTI I NOSTRI ARTICOLI!

Per entrare a far parte della nostra community e rimanere aggiornato, iscriviti alla newsletter di Altraetà! Clicca il link qui sotto, inserisci nome, cognome e email, accetta la Privacy Policy e seleziona “Iscriviti alla nostra newsletter”. Una volta alla settimana riceverai sulla tua mail una selezione delle migliori notizie sul mondo over 50! È gratis, comodo e veloce. E in ogni momento puoi scegliere di disiscriverti! CLICCA QUI

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here