Licos: la ricetta ligure contro l’osteoporosi

Prevenzione e recupero sono gli ingredienti essenziali della ricetta ligure contro l’osteoporosi. Si tratta di Licos (Liguria contro l’osteoporosi), progetto partito a gennaio 2018 che ha già inquadrato 500 persone che hanno subito una frattura.

Un modello innovativo per la sanità italiana, come ha spiegato l’assessore alla Sanità della Regione Liguria, Sonia Viale, intervenuta in occasione del recente incontro pubblico “Quando le ossa fanno crack: segreti per prevenire l’osteoporosi”, che si è tenuto nell’auditorium del Carlo Felice a Genova.

Licos prevede la presa in carico di tutte le persone con più di 50 anni che hanno subito una frattura al femore e devono essere inquadrati in un percorso per prevenire ulteriori fratture o disabilità. «Ovviamente non puntiamo solamente alle cure, ma anche alla prevenzione, come accaduto con la somministrazione di una dose di vitamina D insieme alla vaccinazione per l’influenza, e alla diffusione di buone abitudini», sottolinea Viale.

Nel 2018 le fratture al femore sono state 1.500 solo a Genova. Per prevenirle, l’informazione è fondamentale. Occorre avere molta attenzione soprattutto in casa, consigliano gli esperti, dove si nascondono la maggior parte delle insidie: tappeti su cui è possibile scivolare, salire su scale o sedie, camminare di notte con la luce spenta. Il consiglio è quello di avere un maggior riguardo proprio nelle circostanze in cui ci si sente più sicuri.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here