fbpx

I libri innovativi di Eosliber avvicinano nonni e nipoti

Un nuovo modo di raccontare una storia, che unisca l'analogico e il digitale. Questo l'obiettivo di Eosliber, app nata in seno a Ripensarte

Un nuovo modo di raccontare una storia, che unisca il mondo analogico e quello digitale. Questo l’obiettivo di Eosliber, app nata in seno a Ripensarte, startup milanese che ha rivoluzionato il mondo dell’editoria.

Una nuova “frontiera della narrazione” pensata non solo per i professionisti e le aziende, ma anche per le persone che vogliono mantenere vivo un ricordo o una storia o che sentono semplicemente la voglia di narrarsi. Un genitore, un nonno, uno zio, per un regalo originale ai propri figli e nipoti. E vogliono farlo in modo innovativo.

La nascita dell’idea di Eosliber

Dietro a Eosliber c’è l’idea di Giovanna Agostoni, fondatrice con la figlia Cecilia della startup Ripensarte. Agostoni non proviene dal mondo dell’editoria, ma ha messo a fattor comune la propria esperienza dell’industria dell’information technology e delle belle arti per creare qualcosa di diverso, ascoltando la figlia antropologa e il genero pittore. Una nuova avventura nata da un mix di esperienze e know how diversi e, soprattutto, dalla voglia di creare.

Dopo aver verificato la forza comunicativa dei libri realizzati con artisti diversi usando linguaggi differenti e raccolti in un unico volume, nel 2019 nasce l’idea di valorizzare i contenuti che troviamo in ogni casa, le nostre abitudini e tradizioni.

Tra tradizione e innovazione

Grazie a Eosliber le storie raccontate non si compongono quindi solo di testo e immagini, ma si arricchiscono anche di contenuti multimediali, come audio, video e 3D, e altri tipi di linguaggi, come quello pittorico e fotografico. E così il lettore si trova immerso a 360 gradi nella storia.

Laddove esista la necessità di comunicare, conservare, ricordare e promuovere, Eosliber si pone come “piattaforma di comunicazione” ideale e performante. Uno strumento unico nel panorama nazionale e internazionale, capace di dare valore alle storie e a renderle indimenticabili. Per farlo, collabora con artisti selezionati in grado di interpretare ciascuna storia suscitando nuove emozioni.

Oltre a voler creare qualcosa di nuovo e innovativo nel mondo editoriale, Eosliber ha anche un altro importante obiettivo: quello di diminuire il gap generazionale spesso dovuto all’evoluzione tecnologica. Un nuovo modo di raccontare storie poteva essere lo strumento ideale. Libri, dunque, che rivitalizzano i ricordi e i racconti dei silver, senza dimenticare le potenzialità del digitale.

Storia di una gatta che credeva di poter volare

E così, dal desiderio di una nonna di condividere con i suoi nipoti la passione per gli animali, nasce anche “Storia di una gatta che credeva di poter volare”. L’autrice, Nonna Elisa (Elisa Agostoni), durante anni di convivenza con diversi gatti, ha osservato il loro comportamento e lo ha reinterpretato scrivendo una serie di storie. Storia di una gatta che credeva di poter volare è una di queste. Leggendola, ci si trova immersi in un mondo gattesco divertente e ironicamente umanizzato. 

«Le persone a cui ho venduto il libro della Signora Agostoni – spiega Pietro, della libreria il Trittico di via San Vittore a Milano – sono clienti affezionati, con chiara propensione all’acquisto di pubblicistica di qualità legata a tutto ciò che riguarda i gatti. Hanno trovato amabile e divertente il tratto grafico, il gioco delle alette per scoprire contenuti e abbastanza semplice l’interazione tecnologica attraverso l’app. Il libro è stato suggerito, come avviene di frequente, in una libreria come questa in cui si ritiene che la prossimità al cliente possa rappresentare un valore aggiunto. È stato comprato da signore di mezza età e, in un caso, da una nonna per la sua piccola nipote».

Ad arricchire ulteriormente la storia, ci sono i disegni colorati di Nonna Giovanna (Giovanna Agostoni). E naturalmente, Storia di una gatta che credeva di poter volare, come tutti i libri Eosliber, accompagna ai testi e ai disegni le meraviglie della tecnologia.

Scopri come pubblicare anche tu la tua storia, clicca QUI

L'articolo ti è piaciuto? Condividilo sui social!

Iscriviti alla newsletter

Se ti è piaciuto questo contenuto iscriviti alla Newsletter ed entra a far parte della Community di Altraetà: una volta alla settimana riceverai sulla tua mail una selezione delle migliori notizie sul mondo over 50.

Più letti

Potrebbe interessarti anche

Iscriviti alla newsletter e rimani sempre aggiornato sul mondo over 50

Utente registrato correttamente!