Lavoro over 50: dal 2008 a oggi, solo 1 su 4 è occupato

Abbiamo tante volte parlato di lavoro e di disoccupazione over 50. Ma, mai come in questi giorni l’emergenza occupazionale è tornata alla ribalta. È, infatti, di pochi giorni fa la notizia che, dall’ultima fotografia scattata dal Censis – Centro Studi Investimenti Socialisolo un over 50 su quattro è occupato.

I senior in Italia sono 24,5 milioni, tra loro gli occupati sono solo poco più di un quarto, quasi 6,7 milioni, di cui gli uomini superano di poco i quattro milioni e le donne raggiungono i due milioni e seicento mila. Questa l’istantanea rilevata dal Censis che sottolinea che «con la crisi il segmento degli adulti di 50-70 anni sembra abbandonato al triste destino di esuberi, prepensionati, esodati, senza alcun meccanismo utile per conservare almeno una porzione di quell’importante capitale umano».

Non solo il numero di disoccupati è così alto ma, ad aggravare la situazione, c’è il latente conflitto fra le generazioni sul mercato del lavoro. «Non solo avere un impiego non è mai stato così difficile – dichiara il Censis – soprattutto per i giovani, ma, contestualmente, si è ridotto l’orizzonte di opportunità anche per chi ha oggi 50 anni. Insomma i senior, anche a causa del prolungamento dell’età pensionabile, si trovano a competere con i ventenni per conquistare il lavoro che non c’è»

Lo studio del Censis mostra come dal 2008 al 2013, fra gli over 50 è aumentata l’incidenza dei lavoratori dipendenti e degli occupati a tempo pieno, come effetto dello slittamento in avanti dell’età da pensione. Ma nello stesso tempo, c’è stato un aumento del 7,6% dei lavoratori autonomi e tende a raddoppiarsi la componente degli occupati a tempo parziale, che nel 2013 diventano circa un milione, con un incremento nei sei anni pari al 47,5%.

I disoccupati over 50 hanno raggiunto le 438mila unità, con un aumento rispetto al 2008 di 261mila persone in termini assoluti e del 146% in termini relativi (in soli dodici mesi l’area della disoccupazione ha visto un incremento di 64mila unità: +17,2% tra il 2012 e il 2013). E i disoccupati di lunga durata ultracinquantenni sono quasi triplicati negli ultimi sei anni: sono passati da 93mila a 269mila (+189%).

Una situazione davvero tragica e di emergenza sociale, alla quale è necessario porre rimedio e trovare una soluzione.

Redazione

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here