Si va sempre più tardi in pensione e si rimane all’interno dell’ecosistema lavorativo più a lungo. Si tratta di una tendenza in atto da alcuni anni: i lavoratori senior sono sempre di più all’interno delle aziende. Ma a livello di costi, produttività e sostenibilità sono un peso? Assolutamente no. Lo conferma un’analisi portata avanti da Banca d’italia che ha esaminato 1.000 aziende nell’arco di quattro anni, dal 2010 al 2014. Un periodo a cavallo della Riforma Monti-Fornero, entrata in vigore nel 2012, che ha alzato progressivamente l’età pensionabile. 

Lavoratori senior: cosa cambia per le aziende?

Quali sono le conseguenze per le aziende quando si parla di lavoratori senior? Cosa cambia a livello di produttività, gestione dei costi, risultati economici e nuove assunzioni? Secondo il report di Bankitalia (Invecchiamento dei lavoratori, riforme pensionistiche e risultati d’impresa), il numero di lavoratori senior in una azienda non influisce negativamente su questi aspetti. 

Innanzitutto, questo gruppo di lavoratori non rappresenta un ostacolo per l’assunzione dei più giovani. Le imprese più colpite dalla riforma Fornero analizzate nello studio avevano aumentato le assunzioni in ogni fascia di età. A una crescita del 10% dei lavoratori senior corrispondeva un aumento dei lavoratori giovani o di mezza età dell’1,8 e dell’1,3%. Questi risultati sono ascrivibili «all’esistenza di complementarità tra lavoratori di età diversa e suggeriscono che i lavoratori maturi sono dotati di competenze specifiche non facilmente sostituibili». 

Nessuna conseguenza sulla produttività

La ricerca di Bankitalia ha dimostrato che in linea con l’incremento dell’occupazione, nelle aziende prese in esame sono aumentati anche costo del valore totale e valore aggiunto. Un dato, che, insieme a quelli relativi all’occupazione, conferma come i lavoratori senior non siano per nulla un onere per le aziende. A livello di costi e produttività l’impresa non ci rimette; inoltre, le competenze dei dipendenti più anziani sono un inestimabile valore aggiunto: perché, quindi, non continuare ad investire su di loro? 

Micol Burighel 

 

NON PERDERTI I NOSTRI ARTICOLI!
Per entrare a far parte della nostra community e rimanere aggiornato, iscriviti alla newsletter di Altraetà! Clicca il link qui sotto, inserisci nome, cognome e email, accetta la Privacy Policy e seleziona “Iscriviti alla nostra newsletter”. Una volta alla settimana riceverai sulla tua mail una selezione delle migliori notizie sul mondo over 50! È gratis, comodo e veloce. E in ogni momento puoi scegliere di disiscriverti! CLICCA QUI

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here