fbpx

La vita davanti a sé, il film con Sophia Loren candidato ai Golden Globe

Screen locandina film "La vita davanti a sé" da Netflix

C’è anche l’Italia in gara con i film stranieri candidati al prossimo Golden Globe per i premi che verranno assegnati il 28 febbraio e il 1° marzo. A ottantasei anni Sophia Loren torna sugli schermi in una pellicola firmata dal figlio Edoardo Ponti. “La vita davanti a sé è un’esclusiva di Netflix che ha ricevuto due nomination nelle categorie miglior film in lingua straniera e miglior canzone originale per Io sì (Seen) cantata da Laura Pausini.

La vita davanti a sé: Sophia Loren torna protagonista

Il film, adattamento cinematografico del romanzo di Émilie Ajar (pseudonimo Romain Gary) “Goncourt 1975” è una storia di integrazione e tolleranza. Madame Rosa (Sophia Loren) è un’ebrea sopravvissuta ai lager ed ex prostituta che, raggiunta la terza età, si guadagna da vivere offrendo supporto e rifugio a figli di prostitute che altrimenti non saprebbero come occuparsene. Un giorno, a seguito di insistenti richieste da parte del suo amico medico dottor Cohen, Rosa decide di ospitare Momò (interpretato dal giovanissimo Ibrahima Gueye), un bambino dodicenne di origini senegalesi, orfano e turbolento.

Inizialmente non molto convinta, Madame Rosa decide di prendersene carico. Ed è qui che nonostante la differenza di età, cultura e carattere tra i due nasce un bellissimo e sincero rapporto di amicizia.

Una storia di crescita e amicizia

“La vita davanti a sé” racconta un percorso di crescita e un’amicizia che va ben oltre i limiti della differenza di età. Un film che dimostra come sia possibile instaurare legami profondi con persone che a primo impatto giudichiamo troppo lontane da noi.

La grande Sophia Loren interpreta alla perfezione e con grande pathos il ruolo di una madre non biologica che insegna, protegge e accompagna a modo suo il proprio figlio nel suo percorso di vita. Una storia di umanità molto attuale e vicina a chi combatte quotidianamente per le battaglie di integrazione dei minori.

Si vocifera che negli Sati Uniti il film verrà candidato agli Oscar. Vedremo cosa ne sarà, intanto buona visione!

Trailer:

Birgitta Muhr

 

NON PERDERTI I NOSTRI ARTICOLI!

Per entrare a far parte della nostra community e rimanere aggiornato, iscriviti alla newsletter di Altraetà! Clicca il link qui sotto, inserisci nome, cognome e email, accetta la Privacy Policy e seleziona “Iscriviti alla nostra newsletter”. Una volta alla settimana riceverai sulla tua mail una selezione delle migliori notizie sul mondo over 50! È gratis, comodo e veloce. E in ogni momento puoi scegliere di disiscriverti! CLICCA QUI

L'articolo ti è piaciuto? Condividilo sui social!

Iscriviti alla newsletter

Se ti è piaciuto questo contenuto iscriviti alla Newsletter ed entra a far parte della Community di Altraetà: una volta alla settimana riceverai sulla tua mail una selezione delle migliori notizie sul mondo over 50.

Più letti

Potrebbe interessarti anche

Iscriviti alla newsletter e rimani sempre aggiornato sul mondo over 50

Utente registrato correttamente!