fbpx

La fotografia dell’healthcare in Italia

Il resoconto sul Silver Economy Frum su salute e prevenzione della Direttrice Daniela Ameri

Circa 5.500 aziende che, nel 2019, hanno generato un fatturato complessivo pari a circa 78 miliardi di euro – rappresentando il 4,5% del Pil del Paese, pari a circa 1.724 miliardi di euro per l’anno 2019. Il 78% di questo dato è rappresentato dal segmento Industria, il 18% dalla Distribuzione Intermedia (umana e veterinaria) mentre il restante 4% si suddivide tra Depositari e Trasportatori Specializzati. Questa la fotografia dell’ecosistema healthcare in Italia.

A commissionarla, per celebrare i suoi 30 primi anni, è il consorzio Dafne.

Questa ricerca, i cui risultati consentono di inquadrare in modo prospettico e oggettivo il contributo apportato dall’ecosistema alla filiera e dalla filiera al Paese nel suo complesso, si inserisce tra le attività del Centro Studi Dafne fondato dal consorzio: uno strumento volto a sviluppare e proporre ricerche e iniziative per il continuo aggiornamento dei consorziati. Un “contenitore” dove inserire gli studi e le indagini riguardanti l’ecosistema healthcare, supportati dalla collaborazione con istituzioni scientifiche e centri di ricerca, poi diffusi a favore sì dei consorziati, ma anche presso i propri stakeholder, istituzioni e opinione pubblica.

L’analisi, realizzata durante i primi mesi dell’anno, si basa sui più recenti dati economici disponibili (esercizio 2019), sottolinea il valore relativo dell’ecosistema dei Consorziati, che sta vivendo una stagione di significativa espansione in questi ultimi anni (+62 nuovi Consorziati nel biennio 2019-2020).

Sono state prese in considerazione numerosi fonti, pubbliche e private, costituite da: associazioni di categorie, open data forniti dalla pubblica amministrazione, dati di bilancio raccolti da specifiche banche dati e, per ogni azienda, sono stati analizzati i valori di fatturato e il numero di addetti degli ultimi tre anni.

Secondo il White Paper redatto da Consorzio Dafne, è possibile rappresentare la filiera healthcare italiana in ben sette nodi, che si articolano su quattro livelli: Aziende, Depositari, Distributori e Clienti (Domicili, Farmacie e Ospedali), a cui si aggiungono i Trasportatori specializzati che si occupano del trasporto primario tra i diversi nodi.

Gli addetti impiegati complessivamente nella filiera, invece, superano di poco le 200 mila unità: un valore che costituisce l’1,6% del totale addetti in Italia nel 2019, pari a circa 12,7 milioni.

In questo scenario, l’ecosistema di Consorzio Dafne è, a tutti gli effetti, un ecosistema “esteso”, costituito da circa 740 realtà che generano il 65% del fatturato complessivo della filiera healthcare italiana. Analizzando i soli consorziati, che alla data dello studio erano 190, emerge un fatturato complessivo superiore a 40 miliardi di euro, coinvolgendo oltre 47.500 addetti. In altre parole, pur rappresentando meno di un terzo del totale della filiera, le realtà consorziate generano circa il 50% del fatturato complessivo dell’ecosistema healthcare.

Il segmento più rappresentato risulta essere quello della distribuzione intermedia, dal momento che all’interno del consorzio opera oltre il 65% dei distributori italiano che realizzano circa il 90% del fatturato complessivo del segmento. Inoltre, gli altri attori non consorziati – 550 realtà che costituiscono l’ecosistema esteso del consorzio – hanno generato nel 2019 un fatturato di circa 9 miliardi di euro, coinvolgendo più di 18 mila addetti.

L'articolo ti è piaciuto? Condividilo sui social!

Iscriviti alla newsletter

Se ti è piaciuto questo contenuto iscriviti alla Newsletter ed entra a far parte della Community di Altraetà: una volta alla settimana riceverai sulla tua mail una selezione delle migliori notizie sul mondo over 50.

Più letti

Potrebbe interessarti anche

Iscriviti alla newsletter e rimani sempre aggiornato sul mondo over 50

Utente registrato correttamente!