La festà del papà: tradizioni e..prevenzione

Una festa celebrata in tutto il mondo, anche se in date diverse. In Italia, come in altri paesi cattolici, si festeggia il 19 di marzo, ed è quella dedicata a tutti i papà.

In Italia, ma anche in Spagna e in Portogallo, viene celebrata in tale data, perché coincide con il giorno dedicato a San Giuseppe, padre di Gesù. Mentre in altre nazioni, come la Germania, coincide, invece con il giorno dell’Ascensione – Männertag o Herrentag in tedesco, il cui significato letterale sarebbe quelli di “giorno degli uomini”, uomini intesti come maschi. Le celebrazioni di questa giornata sono molto varie: se in Germania una tradizione tipica sarebbe quella di spingere un carretto di bevande alcoliche, in Italia non è raro trovare falò accesi lungo le vie o nelle piazze di alcuni paesi, e trovare in tavola le frittelle di San Giuseppe – o zeppole.

Quella che è una costante in tutti i paesi è l’istituzione di una giornata per celebrare la famiglia e in particolare la figura maschile portante, il papà.
Quest’anno, sarà anche una giornata dedicata alla prevenzione maschile. Nel comune di Napoli, infatti, tutto il mese di marzo e in particolare durante la giornata dedicata alla festa del papà, tutti gli uomini avranno diritto a una visita e un controllo gratuito per la prevenzione del tumore alla prostata.

Passati gli anta, è bene sottoporsi periodicamente a visite di controllo. Nel caso degli uomini soprattutto è bene prenotare visite urologiche per verificare e monitorare la propria situazione, potendo scoprire in tempo e salvarsi la vita in caso di tumore alla prostata.

Vista l’importanza della prevenzione a Napoli il Maschio Angioino, simbolo della città partenopea, verrà illuminato di azzurro, per celebrare tutti i papà e per invitarli ad un’adeguata prevenzione.

(Redazione)

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here