Mariuccia Rossini, AD Gruppo Korian
Mariuccia Rossini

Il Gruppo Korian, che parteciperà al Silver Economy Forum del 5-6-7 novembre 2020, leader nei servizi rivolti alle persone anziane, si è sempre distinto per l’attenzione che riserva agli aspetti emotivi di ospiti e familiari. Per far fronte alla pandemia di Covid-19, le Residenze Korian hanno dovuto riorganizzare i propri servizi, introducendone anche di inediti. Di queste novità ci parla Mariuccia Rossini, Presidente del Gruppo.

 

Quali sono i valori di Korian e secondo quali principi gestisce le sue residenze? 

Korian si impegna ad offrire un servizio di elevata qualità alle persone in ogni fase della loro vita, assicurando cure di alto livello e ponendo sempre al centro la persona, Ospite, Paziente o Familiare che sia. 

L’identità del gruppo si basa su quattro valori fondamentali. 

L’accoglienza, che mira a rispettare le diversità e rispondere ad ogni problematica con gentilezza ed empatia, proteggendo la riservatezza e la privacy di ogni Ospite. La responsabilità di prendersi cura delle esigenze delle persone con professionalità per garantire il miglior risultato possibile, affrontando ogni situazione con equilibrio e sicurezza. La trasparenza nel condividere ogni scelta con gli interlocutori, con chiarezza e precisione, al fine di trovare insieme la soluzione ottimale per il benessere della persona e creare un rapporto di fiducia. Infine l’iniziativa di operare in modo dinamico e propositivo, alimentando nelle persone quella vivacità necessaria per un soggiorno mentalmente attivo, dove le singole capacità siano continuamente valorizzate.   

In che maniera vi siete mobilitati nelle residenze Korian per contrastare il Covid-19? Avete pensato a nuovi servizi?  

Già dall’inizio dell’emergenza sanitaria Korian ha diffuso a tutte le sue strutture indicazioni comportamentali per osservare le norme di igiene e prevenzione, a partire dal frequente corretto lavaggio delle mani e l’utilizzo di disinfettanti igienizzanti. Si è avvalsa della consulenza di infettivologi di riconosciuta esperienza e credibilità.

Il Gruppo, a partire dallo scorso 22 febbraio, anticipando sostanzialmente i comportamenti dettati dai vari DPCM emanati dal Governo, ha potenziato tali norme e predisposto chiusure al pubblico parziali e/o totali delle strutture, in linea con le disposizioni del Governo e le ordinanze emesse dalle Regioni. Durante il periodo estivo, con la graduale riapertura delle strutture, Korian ha dato la possibilità di effettuare tamponi e/o test sierologici al domicilio dei familiari, prima di permettere loro l’accesso alle strutture, dove gli accessi e gli incontri si sono svolti in totale sicurezza, pianificando le visite e consentendo l’accesso ad un massimo di due familiari per ospite, previo triage. 

Qualsiasi nuovo Ospite che effettua un ingresso in struttura deve trascorrere un periodo di protezione sanitaria di 14 giorni all’interno della sua camera, senza entrare in contatto con altri Ospiti e ricevendo tutte le cure e l’assistenza necessaria direttamente all’interno della propria stanza. 

Nelle ultime settimane le RSA sono state nuovamente chiuse alle visite da decreto ministeriale e, per tutelare la salute di Ospiti e operatori, Korian sta eseguendo costantemente screening su tutti i residenti e sul personale delle strutture. L’accesso di questi ultimi, inoltre, è sempre preceduto dal triage. All’interno delle strutture si procede periodicamente alla sanificazione ordinaria e straordinaria degli ambienti e sono costanti l’utilizzo dei dispositivi di protezione individuale e il mantenimento del distanziamento

Nuovi servizi

Sono molteplici i servizi che Korian, durante questi mesi di pandemia ha predisposto o riadattato. Ponendo grande attenzione alla socialità per contrastare la solitudine, ad esempio, le attività ludiche e ricreative sono state rimodellate e vengono gestite in ambiente sicuro prediligendo piccoli gruppi ed evitando assembramenti. Sono stati messi inoltre a disposizione delle strutture smartphone e tablet per effettuare videochiamate verso l’esterno, con gli Ospiti ausiliati dagli operatori nel contattare i loro cari. Inoltre sono nati numerosi sportelli di supporto psicologico, individuale o di gruppo, via telefono o via “Zoom”, destinati sia ai familiari sia agli operatori. A tutto questo si aggiunge la nascita dei Virtual Tour360, uno strumento per dare la possibilità di scoprire le strutture a distanza e in pochi click.

Senza dimenticare le piccole iniziative: nel corso del lockdown Korian ha promosso l’iniziativa “C’è Posta per te”, un servizio che ha permesso a tutti i familiari di scrivere e inviare una lettera ai propri cari. Un semplice ma fondamentale gesto che, affiancandosi al servizio di videochiamate, ha permesso di sentirsi più vicini e migliorare l’umore degli ospiti.

Quanto diventa importante in questa circostanza il supporto psicologico a famiglie e ospiti? 

Il supporto psicologico è importante soprattutto in questo periodo. Korian, grazie ad un team di psicologi e psicoterapeuti, offre supporto anche telefonico ai propri ospiti e alle famiglie per aiutarli ad affrontare e gestire situazioni di stress, ansie e preoccupazioni. Inoltre, è stato predisposto un servizio di supporto psicologico anche per il personale delle residenze, affinché sia nelle migliori condizioni per prendersi cura dei nostri ospiti. 

Come cambia l’assistenza alla terza età in tempo di pandemia? 

La pandemia ha reso necessario ripensare il mondo dell’assistenza alla terza età pensando sì al futuro, ma facendo tesoro delle criticità riscontrate durante l’emergenza. Ad esempio, è emersa ancora più forte l’importanza di mantenere in ogni momento l’individuo al centro dell’attività assistenziale e dotare tutte le strutture di personale formato e aggiornato sull’evoluzione della pandemia e sulla gestione degli ospiti delle residenze nel contesto in cui ci troviamo. Con l’obiettivo di offrire standard qualitativi elevati, senza dimenticare il fattore umano. Per questo motivo, almeno per quanto riguarda Korian, il dialogo con le istituzioni locali è costante, perché riteniamo che senza condivisione tra tutti gli attori coinvolti non si possa offrire risposte adeguate all’evoluzione del contesto attuale in cui ci troviamo. 

Micol Burighel

 

NON PERDERTI I NOSTRI ARTICOLI!

Per entrare a far parte della nostra community e rimanere aggiornato, iscriviti alla newsletter di Altraetà! Clicca il link qui sotto, inserisci nome, cognome e email, accetta la Privacy Policy e seleziona “Iscriviti alla nostra newsletter”. Una volta alla settimana riceverai sulla tua mail una selezione delle migliori notizie sul mondo over 50! È gratis, comodo e veloce. E in ogni momento puoi scegliere di disiscriverti! CLICCA QUI

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here