Iris Apfel, regina del mondo della moda a 93 anni

iris apfel

Occhialoni rotondi dalla montatura spessa quanto le lenti, perché a 93 anni suonati la vista comincia a calare anche se sei un’ultramilionaria guru della moda. È Iris Apfel, eccentrica vecchina che indossa più accessori di un candelabro, può permettersi di dichiarare al Guardian “non sono mai stata fan di Chanel” ed è appena diventata protagonista di un film documentario che porta il suo nome: Iris.

“Tu non sei bella e mai lo sarai, ma non importa. Tu hai qualcosa di molto più importante. Hai stile.” Le aveva detto Frieda Loehmann, fondatrice dei grandi magazzini Loehmann, quando lei era appena una sconosciuta ragazzina del Queens desiderosa di farsi strada nel mondo della moda.

Famosa soprattutto per la griffe di tessuti Old World Weavers, fondata negli anni ’50 con il marito e diventata brand ufficiale dei tendaggi della Casa Bianca, di ville, musei e mega-eventi, Iris dichiara di aver ereditato dalla madre, proprietaria di una boutique, l’amore e l’istinto per la moda “fin da piccola stavo ore a osservarla. Con la sua magia riusciva a trasformare un vestito nero qualsiasi in uno strepitoso abito da sera” – racconta nel film – “Sembrava una sciamana e i suoi talismani erano scarpe, borse, cinte e bijoux. Pian piano ho iniziato a capire il loro potere, la loro capacità di rendere unica chi li indossa”.

Il mondo l’ha conosciuta per il suo stile nel 2005, quando il MET di New York le ha dedicato una mostra-evento: Rara Avis (Rare Bird): The Irriverent Iris Apfel. Da quel momento, alla giovane età di 83 anni, Iris è stata intervistata dalle più svariate riviste del settore, ha disegnato una collezione di bijuex ed è diventata consulente Yoox nel settore dei gioielli. E ora, la “Geriatric Starlet”, come vuole essere chiamata, è anche protagonista di un film.