Parliamo di fisiokinesiterapia, vale a dire dei trattamenti che puntano alla riabilitazione motoria di un paziente. Si tratta di una terapia indirizzata al recupero dopo traumi e interventi chirurgici, rivolta molto spesso a chi fa sport in modo dilettantistico o professionistico, ma che punta anche al recupero della funzionalità nelle persone anziane.

Ci spiegano i segreti di questa attività fondamentale i fisiatri di Villa Montallegro.

Fisioterapia: si parte dalla visita con il medico

Scopriamo così che la fisioterapia parte da una visita proprio con un medico specializzato in fisiatria. A volte la visita richiede anche un test di valutazione funzionale che, attraverso attrezzi appositi, consente di valutare lo stato di salute del paziente, anche al di là di postumi da intervento che richiedano una riabilitazione. Tra gli altri il test isocinetico, il test di valutazione del rischio di caduta, il test di equilibrio/propriocezione, il test del lattato o acido lattico che consente di individuare la potenza meccanica e la frequenza cardiaca in caso di sforzo.

Gli strumenti terapeutici

La fisioterapia comprende una serie di strumenti terapeutici. Il più noto e anche il più consolidato (era già praticato dagli antichi Egizi) è la terapia manuale che ha come scopo ristabilire la funzionalità del sistema muscolo-scheletrico. Sono abituali anche interventi di elettroterapia ed elettromedicali con l’impiego di attrezzature che sfruttano a scopo terapeutico gli effetti biologici ottenuti da correnti elettriche che percorrono la parte del corpo da trattare. E in questo caso parliamo di tecar, apparecchiature laser, a ultrasuoni, per la magnetoterapia (cemp) e la ionoforesi, TENS (stimolazione elettrica transcutanea dei nervi) ed elettrostimolazione neuromuscolare.

Esercizi di fisioterapia in palestra
Palestra per fisioterapia di Villa Montallegro

In generale si può dire che la kinesiterapia è basata sul movimento e perciò gli esercizi ginnici guidati da un fisioterapista o da un trainer rappresentano un utile complemento alla rieducazione motoria con attività in palestra per eseguire esercizi fisici volti alla rieducazione e al rafforzamento dei vari gruppi muscolari, avendo come obiettivo il recupero della forza, della velocità, della resistenza e della coordinazione. Uno degli strumenti più importanti è la ginnastica vertebrale per evitare  processi di decadimento e deterioramento della colonna vertebrale e delle sue strutture articolari e muscolari.

Idrokinesiterapia: di cosa si tratta? 

Uno dei sistemi più utili e purtroppo meno utilizzato nei centri fisioterapici per mancanza di spazio e mancanza della struttura fondamentale è la vasca dedicata all’idrokinesiterapia. Questo tipo di fisioterapia, oltre alla prevenzione, alla riabilitazione post operatoria e post traumatica e alla riabilitazione sportiva, risponde alle esigenze di varie patologie. In alcuni casi, l’obiettivo fondamentale del servizio non è esclusivamente fisioterapico, ma è volto anche a ridurre il disagio sociale, aiutando le persone ad affrontare le difficoltà sia fisiche sia morali della patologia, offrendo un sostegno psicologico tramite il gioco e l’esercizio in acqua e il rapporto con il terapista.

L’attività in acqua aiuta le persone nel gestire le emozioni e per alcuni disturbi comportamentali favorisce l’attenzione, stimola sensorialmente, accresce il coordinamento motorio. Un beneficio come il rilassamento muscolare, dovuto al massaggio naturale dell’acqua, consente inoltre di compiere gesti con un’ampiezza di movimento e persino non possibili al di fuori dell’acqua per pazienti colpiti da patologie anche gravi.

I benedici dell’idroterapia

L’idrokinesiterapia è in sostanza una disciplina della fisioterapia che utilizza l’acqua per curare i disturbi del movimento. Una tecnica riabilitativa che prevede la combinazione di movimento (kinesi) con un mezzo fisico, l’acqua, sfruttandone le caratteristiche a fini terapeutici. Durante l’immersione in acqua, il peso del corpo diminuisce quasi del 90%, consentendo al paziente di eseguire esercizi con uno sforzo fortemente ridotto e abbreviando sensibilmente i tempi di recupero funzionale. In sostanza, in una vasca di adeguate dimensioni e con una temperatura simile a quella del corpo umano, si sfruttano – oltre agli effetti determinati dalla spinta idrostatica sulla diminuzione del peso corporeo – le proprietà antalgica (che, cioè, attenua il dolore) e decontratturante del calore e della resistenza passiva che l’acqua offre ai movimenti.

La piscina riabilitativa presente nel centro fisioterapico di Villa Montallegro è progettata per consentire un movimento terapeutico in modo confortevole e sicuro, senza che sia necessario saper nuotare. Gli esercizi attivi o passivi in acqua si svolgono sotto il controllo e con l’aiuto di terapisti esperti e l’utilizzo di attrezzi dedicati al movimento in acqua. La durata di una seduta varia dai 45 minuti all’ora.

Nei programmi di idrokinesiterapia di Montallegro, il terapista è sempre in acqua con il paziente. Un aspetto determinante in termini di efficacia dell’esercizio, perché muoversi insieme è molto più efficace e sicuro per il paziente rispetto a ricevere indicazioni da fuori vasca.

Contributo degli specialisti in fisiatria di Villa Montallegro 

 

NON PERDERTI I NOSTRI ARTICOLI!

Per entrare a far parte della nostra community e rimanere aggiornato, iscriviti alla newsletter di Altraetà! Clicca il link qui sotto, inserisci nome, cognome e email, accetta la Privacy Policy e seleziona “Iscriviti alla nostra newsletter”. Una volta alla settimana riceverai sulla tua mail una selezione delle migliori notizie sul mondo over 50! È gratis, comodo e veloce. E in ogni momento puoi scegliere di disiscriverti! CLICCA QUI

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here