Dalla Germania arriva una notizia che ha ancora una volta ha i cani come protagonisti: ricercatori dell’università di Hannover hanno studiato la capacità di questi animali di annusare il Covid-19. I cani sono stati addestrati presso l’Università di Medicina Veterinaria di Hannover e possono aiutare a prevenire la diffusione della malattia. Altri animali sono già stati messi al lavoro negli aeroporti e nelle arene sportive di tutto il mondo. In questo modo, grazie alle loro indicazioni, ci saranno meno rischi durante gli assembramenti e i luoghi pubblici potrebbero tornare a riempirsi a breve. Ecco i dettagli della ricerca.

Precisione al 94%

Secondo un articolo di presentazione, l’università tedesca ha oggi cani addestrati in grado di rilevare il Covid-19 con una precisione del 94%, anche se le persone sono asintomatiche. I ricercatori hanno insegnato ai cani a fiutare “l’odore di coronavirus” emesso dalle cellule nelle persone infette, ha detto Esther Schalke, veterinaria che ha presto parte alla ricerca.

Filou, un pastore belga di 3 anni, e Joe Cocker, un Cocker Spaniel di 1 anno, sono due dei cani che hanno già svolto alcuni test sul campo con ottimi risultati. Holger Volk, un altro ricercatore, ha affermato che gli animali al centro del progetto sono stati in grado di rilevare con precisione il coronavirus correttamente in più di 1.000 campioni. “In questo modo i cani possono fiutare le persone con infezioni e senza infezioni, così come i pazienti Covid asintomatici e sintomatici. Ora li metteremo alla prova in eventi selezionati” ha detto Volk.

Cani contro il Covid

L’esperimento della facoltà tedesca non è il primo di questo tipo. Gli aeroporti di Helsinki, Santiago del Cile e Dubai fanno già uso dei cani da fiuto contro il Covid. Inoltre, negli Stati Uniti questi animali speciali sono stati utilizzati anche per controllare i fan alle partite di basket dei Miami Heat. Un’ennesima dimostrazione delle incredibili capacità dei cani e del loro olfatto: è già nota negli ambienti scientifici l’abilità del naso del cane di odorare la presenza di tumori in alcuni pazienti e per questo alcuni animali sono utilizzati negli ospedali e nelle cliniche mediche. Ora gli amici a quattro zampe potranno essere d’aiuto anche per diminuire il rischio contagi da coronavirus.

Andrea Indiano

 

NON PERDERTI I NOSTRI ARTICOLI!

Per entrare a far parte della nostra community e rimanere aggiornato, iscriviti alla newsletter di Altraetà! Clicca il link qui sotto, inserisci nome, cognome e email, accetta la Privacy Policy e seleziona “Iscriviti alla nostra newsletter”. Una volta alla settimana riceverai sulla tua mail una selezione delle migliori notizie sul mondo over 50! È gratis, comodo e veloce. E in ogni momento puoi scegliere di disiscriverti! CLICCA QUI

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here