fbpx

Green pass, ecco come funzionerà il documento

Con l’allentamento delle norme anti Covid dovuto al calo dei contagi, l’Unione Europea e gli Stati membri sono al lavoro sul Green Pass. Si tratta di un certificato digitale di tipo sanitario con il quale le persone vaccinate contro il Covid-19 potranno viaggiare senza restrizioni.

Green Pass, cos’è e come funziona?

Il Green Pass è un vero e proprio passaporto sanitario legato al Covid-19. Un documento digitale e/o cartaceo che attesta la vaccinazione contro il coronavirus. Permette a chi ne è in possesso di spostarsi liberamente, sia all’interno dei confini nazionali sia in altri Paesi. Il Green Pass europeo contiene una serie di informazioni sanitarie, affinché ogni persona sia in grado di provare le seguenti condizioni:

  • vaccinazione contro il Covid-19
  • risultato negativo dopo il test
  • guarigione dopo il contagio da Covid-19

Ognuna di queste tre opzioni è idonea per viaggiare con il certificato verde senza limitazioni in tutti i Paesi dell’UE, perciò basta mostrare il Green Pass in caso di controlli di sicurezza per spostarsi anche per motivi di turismo.

Il Green Pass sarà gratuito

Il Green Pass è un documento gratuito che sarà rilasciato in forma digitale o cartacea. Riporterà le informazioni necessarie redatte sia nella propria lingua nazionale che in inglese. Il documento sarà anche dotato di un codice QR per la scansione rapida delle informazioni attraverso la fotocamera dello smartphone.

In Italia si sta lavorando al Pass Verde

In attesa del pass europeo (che dovrebbe comunque arrivare entro giugno) l’Italia sta lavorando al suo Pass Verde. Sarà ispirato a quello comunitario ma verrà proposto innanzitutto in formato cartaceo. Successivamente si allineerà al pass digitale europeo non appena sarà pronta la nuova piattaforma UE. Il pass verde nazionale è previsto con il decreto riaperture, in attesa delle indicazioni ufficiali del ministero della Salute. Il documento avrà una durata di 6 mesi per chi è guarito dal Covid-19 o è stato vaccinato. Con il Green Pass italiano è possibile spostarsi sul territorio nazionale, anche nelle zone arancioni e rosse, oppure viaggiare all’estero nei Paesi che riconoscono il pass nazionale.

Pass Verde: come richiederlo

Tutte le persone protette dal Covid-19, ovvero che hanno concluso il ciclo di vaccinazione previsto in base al tipo di vaccino (dopo la seconda dose) possono richiedere il certificato verde. Le informazioni sono inserite automaticamente nel fascicolo sanitario elettronico, uno strumento digitale gestito dalle Regioni nel quale sono contenuti tutti i principali dati sanitari di ogni cittadino italiano. Chi lo desidera può richiedere alla struttura sanitaria che ha somministrato il vaccino il rilascio di un apposito documento, un attestato con il quale provare l’immunizzazione.

Nel certificato verde saranno riportate le seguenti informazioni:

  • nome e cognome
  • data di nascita
  • a quale trattamento si è stati sottoposti
  • i dettagli sul vaccino utilizzato

Inoltre, il certificato deve riportare la data dell’ultima somministrazione del vaccino, il Paese in cui è avvenuta la vaccinazione e le informazioni sulla struttura presso la quale è stato effettuata.

Andrea Carozzi

L'articolo ti è piaciuto? Condividilo sui social!

Iscriviti alla newsletter

Se ti è piaciuto questo contenuto iscriviti alla Newsletter ed entra a far parte della Community di Altraetà: una volta alla settimana riceverai sulla tua mail una selezione delle migliori notizie sul mondo over 50.

Più letti

Potrebbe interessarti anche

Iscriviti alla newsletter e rimani sempre aggiornato sul mondo over 50

Utente registrato correttamente!