Spesso mettiamo certi alimenti in tavola per rendere più gustosi i nostri pasti ma in realtà stiamo “attentando” alla salute del nostro stomaco, magari rischiando di essere colpiti da una gastrite o di peggiorarla, se ne siamo già affetti. Ecco cosa evitare.

Cos’è la gastrite?

La gastrite è un processo infiammatorio che interessa la mucosa delle pareti dello stomaco. Si tratta di un disturbo piuttosto diffuso che si presenta con crampi, nausea, inappetenza e, in alcuni casi, vomito. Nella sua forma meno grave, la gastrite è infatti provocata o da un’indigestione o ad un’alimentazione poco corretta.

Quali sono gli “alimenti killer” per la gastrite?


Gli alimenti da evitare o meglio da limitare se si è soggetti a problemi di stomaco sono tutti quelli che incrementano la produzione di acido gastrico. Come la carne rossa, i pesci grassi, i formaggi come il gorgonzola o il pecorino e i condimenti speziati come il pepe nero, l’aglio o il peperoncino. Purtroppo tra i cosiddetti alimenti killer dello stomaco rientrano anche alcuni frutti come limoni, mandarini, e arance, che a causa della loro acidità possono peggiorare lo stato dell’infiammazione.

Le bevande da evitare

Per mantenere uno stomaco sano è bene consumare con moderazione bevande che possono aumentare la produzione di acido gastrico. Su tutte ci sono ovviamente gli alcolici (vino e birra) e in particolare i superalcolici (liquori e cocktail), che vanno del tutto eliminati dalla dieta.

Gli alimenti consentiti per chi soffre di gastrite

I cereali come pasta, riso ma anche l’orzo e l’avena sono particolarmente indicati per chi soffre di gastrite perché aiutano a contrastare l’acidità. E frutti come banane, mele e fichi sono vivamente consigliati per mantenere la stabilità gastrointestinale.

E le verdure? Le verdure più adatte per chi soffre di gastrite sono carote, patate, zucchine e cavolo. Molto importante è anche la cottura, che deve essere la più leggera possibile: sono da privilegiare le verdure cotte al vapore o bollite, condite con un filo di olio extra vergine.

Andrea Carozzi

Le informazioni sopra riportate non sostituiscono in alcun modo il parere medico.

 

NON PERDERTI I NOSTRI ARTICOLI!

Per entrare a far parte della nostra community e rimanere aggiornato, iscriviti alla newsletter di Altraetà! Clicca il link qui sotto, inserisci nome, cognome e email, accetta la Privacy Policy e seleziona “Iscriviti alla nostra newsletter”. Una volta alla settimana riceverai sulla tua mail una selezione delle migliori notizie sul mondo over 50! È gratis, comodo e veloce. E in ogni momento puoi scegliere di disiscriverti! CLICCA QUI

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here