Come stare meglio: frutta e verdura tengono lontana l’ansia

Di certo non è una novità che mangiare frutta e verdura con una certa regolarità faccia bene alla salute. Ma quello che, forse, non tutti sanno è che non mangiarne favorirebbe l’insorgenza di disturbi legati all’ansia e alla depressione. A sostenerlo è una ricerca condotta tramite il Canadian Longitudinal Study on Aging.

Una mela al giorno toglie l’ansia di torno

I ricercatori che hanno realizzato l’indagine si sono basati sui dati contenuti in uno studio longitudinale canadese. Il campione di riferimento era composto da 26.991 individui tra uomini e donne con un’età compresa tra i 45 e gli 85 anni. I risultati, pubblicati sull’International Journal of Environmental Research and Public Health, hanno sottolineato come le persone che consumavano meno di tre fonti di frutta e verdura al giorno erano più soggette a sviluppare ansia rispetto a chi, invece, le consumava. Scendendo nel dettaglio, la percentuale di sviluppare disturbi ansiogeni è maggiore del 24% in chi consuma poca frutta e verdura.

Uno degli autori dello studio, Jose Mora-Almanza, ha sottolineato che: “Questo dato può spiegare in parte i risultati associati alle misure di composizione corporea. Poiché quando i livelli di grasso nel corpo sono eccessivi la probabilità di disturbo d’ansia aumenta di oltre il 70%”.

Un’ulteriore conferma dei benefici di frutta e verdura

Non è la prima volta che gli scienziati notano l’effetto positivo di frutta e verdura rispetto allo svilupparsi delle forme ansiogene. Il legame era stato già messo in luce nel 2013. A parlarne un altro studio apparso sul British Journal of Health Psychology e portato avanti dai ricercatori dell’Università di Otago (Nuova Zelanda). Questa indagine aveva preso in esame per 21 giorni 281 giovani adulti, con l’obiettivo di valutare le ricadute a breve termine dei comportamenti alimentari sullo stato psicofisico. Per farlo gli ideatori dello studio hanno chiesto ai partecipanti di tenere un diario alimentare dove annotare quello che mangiavano ogni giorno. Inoltre, erano tenuti a rispondere a una serie di domande riguardo al loro stato di benessere e malessere.

L’indagine ha fatto emergere un collegamento tra il consumo generoso di frutta e verdura e la comparsa di sensazioni positive nelle 24 ore successive, legate soprattutto alla riduzione dell’ansia e più in generale a una maggiore serenità.I dati di quest’altro studio, però, hanno sottolineato come gli effetti più evidenti di un consumo costante di frutta e di verdura si registrano a fronte di sette-otto porzioni di frutta e verdura quotidiane consumate tra colazione, spuntini di metà mattina, pranzo, merenda e cena.

Non perderti i nostri articoli di salute&benessere.

Andrea Carozzi

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here