Nella nuova legge di bilancio, approvata dal Parlamento sul finire del 2020 e entrata in vigore il 1° gennaio 2021 dopo la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, è previsto un Fondo per l’Alzheimer e le demenze. Con l’inserimento di questo Fondo nella Manovra si andrà così a finanziare il Piano Nazionale Demenze, che era già stato approvato da Governo, Regioni e Province autonome a ottobre 2014. Un piano sicuramente all’avanguardia per quanto riguarda le politiche sociali, ma non pienamente concretizzato a causa della mancanza di risorse. Con il Fondo per l’Alzheimer, finalmente in Italia ci sarà un aiuto concreto da parte delle istituzioni a tutte le famiglie che convivono ogni giorno con l’Alzheimer

Cosa prevede il Fondo per l’Alzheimer?

Con l’obiettivo di migliorare la protezione sociale delle persone con Alzheimer e di sostenere i familiari che si prendono cura di loro, il Fondo prevede una dotazione di 5 milioni di euro per ognuno degli anni 2021, 2022, 2023, che andrà a finanziare il Piano Nazionale Demenze. Le azioni strategiche individuate dal PND per migliorare la qualità di vita di chi ha l’Alzheimer e dei loro familiari potranno così finalmente prendere corpo. L’Italia con questo provvedimento si dimostra all’avanguardia e dà esempio di civiltà, come ha sottolineato la senatrice Barbara Guidolin, tra le strenue sostenitrici del provvedimento. 

Ma quali sono gli obiettivi del Piano Nazionale Demenze? Gli interventi individuati dal documento riguardano azioni di sensibilizzazione su familiari e professionisti del settore nel campo della prevenzione, della diagnosi tempestiva, del trattamento e dell’assistenza alle persone con demenza. Inoltre, il Piano mira a creare una rete integrata per le demenze, livellando le differenze sociali e combattendo le discriminazioni. Infine, punta ad abbattere lo stigma sociale e favorire le forme di partecipazione alla società di famiglie e pazienti. 

Demenze in Italia 

In Italia, circa 1 milione e 200mila persone sono affette da demenza. A livello europeo, si stima che il 54% delle persone con demenza abbia il morbo di Alzheimer. L’incidenza della malattia aumenta con l’avanzare dell’età e ad essere più colpite sono le donne. Tenendo conto che l’Italia presenta un invecchiamento della popolazione molto spiccato, si comprende come le demenze siano, e saranno nel futuro, una priorità di salute pubblica

Non vanno dimenticati, inoltre, i 3 milioni di familiari che solo in Italia si occupano dell’assistenza ai propri cari. I caregiver sono principalmente donne, mogli o figlie che a loro volta hanno una famiglia e ospitano il malato in casa, lo seguono nel suo percorso, se ne prendono cura. Il Fondo per l’Alzheimer darà un concreto aiuto anche a loro. 

Micol Burighel 

 

NON PERDERTI I NOSTRI ARTICOLI!

Per entrare a far parte della nostra community e rimanere aggiornato, iscriviti alla newsletter di Altraetà! Clicca il link qui sotto, inserisci nome, cognome e email, accetta la Privacy Policy e seleziona “Iscriviti alla nostra newsletter”. Una volta alla settimana riceverai sulla tua mail una selezione delle migliori notizie sul mondo over 50! È gratis, comodo e veloce. E in ogni momento puoi scegliere di disiscriverti! CLICCA QUI

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here