fbpx

Fondazione Cariplo e salute. L’intervista a Mariella Enoc

https://www.youtube.com/watch?v=cGP9J54Ts10 In occasione del convegno "Il senso della medicina" che si è tenuto recentemente presso il Salone '900 all'interno del Palazzo della Meridiana, a Genova, abbiamo intervistato la dott.ssa Mariella Enoc, vice presidente della Fondazione Cariplo.   Enoc è intervenuta ai microfoni di altraeta.it per spiegare quali siano i progetti banditi dalla Fondazione di cui è…

In occasione del convegno “Il senso della medicina” che si è tenuto recentemente presso il Salone ‘900 all’interno del Palazzo della Meridiana, a Genova, abbiamo intervistato la dott.ssa Mariella Enoc, vice presidente della Fondazione Cariplo.

 

Enoc è intervenuta ai microfoni di altraeta.it per spiegare quali siano i progetti banditi dalla Fondazione di cui è vice presidente: «Il tema del convegno di oggi è un tema indubbiamente affascinante perché ci fa rivedere il problema del benessere, del vivere bene e delle persone anziane. Noi, come Fondazione Cariplo, abbiamo molto a cuore questo tema: abbiamo, infatti, sviluppato anche un primo progetto sulla riabilitazione che tiene conto sia dell’aspetto fisico, cognitivo  che psicofisico. In pratica, una riabilitazione che tiene conto di tutta la persona in questo processo e in questo cammino».

Il convegno, organizzato da Ucid (Unione cristiana imprenditori e dirigenti), in collaborazione con Associazione Medici Cattolici italiani e Unione Giuristi Cattolici italiani, ha affrontato interessanti temi della filiera gestionale del sistema sanitario nazionale. Tra gli altri, sono intervenuti il presidente Ucid Genova Pietro Pongiglione e Angela Testi, professore associato del dipartimento Economia dell’Università di Genova. Una tavola rotonda composta da importanti nomi della sanità locale e nazionale ha fatto seguito alla conferenza.

Durante il suo intervento, Enoc ha spiegato che Fondazione Cariplo in questi anni ha affrontato il tema della sanità seguendo: «tre focus: giovani, ben-essere- inteso come vivere bene soprattutto delle persone anziani e fragili – e welfare di comunità, inteso come attenzione e servizi alle persone». «Abbiamo scelto questi tre focus perché ci sono sembrati temi che arrivavano emergenti alla Fondazione».

 

L'articolo ti è piaciuto? Condividilo sui social!

Iscriviti alla newsletter

Se ti è piaciuto questo contenuto iscriviti alla Newsletter ed entra a far parte della Community di Altraetà: una volta alla settimana riceverai sulla tua mail una selezione delle migliori notizie sul mondo over 50.

Potrebbe interessarti anche

Iscriviti alla newsletter e rimani sempre aggiornato sul mondo over 50

Utente registrato correttamente!