Un film reale e travolgente. Parliamo di Ancora donne. Quando l’amore non ha età (80’, 2018) che arriva nei cinema di tutta Italia il 26 novembre, dopo il grande successo di pubblico e di critica ricevuto in Svizzera.
Il documentario diretto dalle registe svizzere Stéphanie Chuat e Véronique Reymond, prodotto da Climage e distribuito in Italia da Oval Media, è stato selezionato dal festival Visions du Réel (2018) e dal Festival di Locarno nella sezione Panorama Suisse. Il film ha ricevuto la nomination come miglior documentario al Swiss Film Award nel 2019. 

Film Ancora DonneIl film: 5 donne alla riscoperta dell’amore e dell’intimità

Sono single, vedove o divorziate. Hanno avuto figli, mariti, un lavoro e una vita passata. E oggi sognano il loro futuro. “Ancora donne” apre la porta sull’intimità di cinque sessantenni alle prese con la loro battaglia contro la solitudine, in un’età della vita in cui gli uomini sono scomparsi dai loro universi affettivi.

Esiste un’età in cui si smette di essere donne?

Certamente non a livello biologico. A livello emotivo, invece, esiste un momento nella vita delle donne in cui tutto cambia, in cui s’innesta una nuova percezione di sé. È quella della propria invisibilità. Le donne si sentono invisibili agli occhi di eventuali partner, presenti o possibili, agli occhi del contesto sociale, culturale ed economico.
Messe nell’angolo dell’invisibilità dai tanti pregiudizi e stereotipi che vedono quel tempo della vita con una sola lente. Quella dell’inevitabile viale del tramonto, in cui si vive solo di bisogni, e non di sogni, desideri, voglia di mettersi in gioco e cambiare. 

Ancora Donne, un film per parlare di ageismo

Le cinque protagoniste di Ancora Donne ci mostrano e ci insegnano che non è l’età a definire cosa sia giusto o possibile. Tutto dipende da come decidiamo di vivere una fase della vita, fatta di molti, a volte troppi, condizionamenti culturali e sociali. Ancora donne è un film autentico, intimo e gioioso che sovverte gli stereotipi legati all’ageismo e ai suoi effetti. In particolare quando si fonde con questioni di genere.

Parlare di ageismo per portare un cambiamento culturale: i partner del film  

« Non abbiamo ancora capito che cosa significhi davvero invecchiare. Continuiamo a vedere l’invecchiamento come un problema per gli individui che invecchiano e una minaccia per le società che devono sostenere l’aumento dei costi sanitari connessi e i relativi sistemi pensionistici».
Dal libro “Immortali” di Nicola Palmarini.

Ancora donne rappresenta un’opportunità per portare nel dibattito pubblico il tema dell’ageismo, la discriminazione e i pregiudizi in base all’età. Un tema di cui ancora troppo poco si parla.
L’ageismo è la discriminazione del nostro secolo. Trasversale e subdola, colpisce tutti e tutte, indifferentemente dalle condizioni sociali o economiche. Colpisce, però, ancora di più le donne e i loro corpi. Per questa ragione il film ha ricevuto il supporto di partner nazionali e internazionali che si occupano di ageismo, discriminazioni e stereotipi legati al genere. Altraetà è fra questi.

Diversity & Inclusion Speaking© di Alexa Pantanella: progetto che nasce dalla convinzione che un uso più consapevole del linguaggio (in tutte le sue forme) sia fattore determinante nel creare una cultura maggiormente inclusiva. Lavora su 3 aspetti: la formazione, la ricerca e la comunicazione. 

NICA – National Innovation Centre for Ageing e Nicola Palmarini (Direttore del NICA): Organizzazione creata dal governo britannico per lo sviluppo e la promozione di soluzioni innovative dedicate alla longevity economy.

Hella Network di Flavia Brevi, un network di professioniste della comunicazione in rete contro gli stereotipi di genere.

Club 50 Plus, piattaforma di incontri per over 50 ideata esclusivamente per le esigenze di coloro che non vogliono più sentirsi soli e cercano un sito sicuro e controllato per trovare un partner.

Altraetà, magazine online interamente dedicato a chi ha superato i cinquanta. Altraeta.it è stata premiata dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri nell’ambito dell’Anno europeo dell’invecchiamento attivo e della solidarietà fra le generazioni.

Divercity, magazine europeo d’inclusione e innovazione, è un quadrimestrale nato nel marzo 2018 da un’idea di Tiziano Colombi e Valentina Dolciotti.

Grimilde di Rossella Boriosi, blog che si occupa di si occupa di tematiche legate al genere e all’ageismo.

 

NON PERDERTI I NOSTRI ARTICOLI!

Per entrare a far parte della nostra community e rimanere aggiornato, iscriviti alla newsletter di Altraetà! Clicca il link qui sotto, inserisci nome, cognome e email, accetta la Privacy Policy e seleziona “Iscriviti alla nostra newsletter”. Una volta alla settimana riceverai sulla tua mail una selezione delle migliori notizie sul mondo over 50! È gratis, comodo e veloce. E in ogni momento puoi scegliere di disiscriverti! CLICCA QUI

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here