“Sono felice di poter condividere la mia musica e la mia testimonianza di familiare per aiutare le tante persone che convivono ogni giorno con la demenza”.  È con queste parole che Eugenio Finardi racconta il motivo che lo ha spinto a stare al fianco della Federazione Alzheimer Italia in occasione del IX Mese Mondiale Alzheimer.  Il cantautore ha scelto di dedicare a tutte le persone che vivono con la demenza e ai loro familiari la canzone “Amore diverso”. Brano che scrisse nel 1983 per la nascita della figlia Elettra.

Il videomessaggio di Finardi per Federazione Alzheimer Italia

Finardi per Federazione Alzheimer ItaliaFinardi nel video messaggio, visibile a questo link, racconta con parole molto toccanti e sincere la sua personale esperienza di familiare di persona con demenza. Il cantautore vive infatti con la suocera malata di Alzheimer. “Sto assistendo alla sua progressiva perdita dei ricordi e della memoria.  qualcosa di grande, di spaventoso ma qualcosa di molto umano che a me fa una grande tenerezza”. È noto quanta ricaduta abbia la demenza su familiari e caregiver, a tal punto da renderla una delle patologie a più grave impatto sociale del mondo. La perdita del ricordo è uno degli aspetti principali che tocca da vicino chiunque si trovi a convivere con questa malattia.

L’importanza della musica per le persone con demenza

Molti studi confermano quanto la musica e il canto siano importanti per le persone con demenza. Per queste, spesso, le canzoni sono tra gli ultimi ricordi a mantenersi vivi. Anche in chi perde tutti i riferimenti temporali, la musica può rimanere come unico legame con il passato e con gli affetti. “La musica è fondamentale nella relazione emotiva tra la persona con demenza e il suo passato, ed è uno degli strumenti terapeutici che anche noi di Federazione Alzheimer Italia utilizziamo nei nostri gruppi. Proprio per questo siamo particolarmente felici e onorati che un artista sensibile e attento come Eugenio Finardi abbia deciso di stare al nostro fianco condividendo un ricordo musicale per lui così prezioso e personale”, commenta Gabriella Salvini Porro, presidente di Federazione Alzheimer Italia.

Il lavoro di Federazione Alzheimer Italia

Federazione Alzheimer Italia, rappresentante unico per l’Italia di ADI, è la maggiore organizzazione nazionale non profit dedicata alla promozione della ricerca scientifica sulle cause, la cura e l’assistenza per la malattia di Alzheimer e la demenza, al supporto dei malati e dei loro familiari, alla tutela dei loro diritti, alla partecipazione alla programmazione della politica sanitario-sociale. Riunisce e coordina 47 associazioni locali che si occupano di demenza.  Lo slogan della Federazione “La forza di non essere soli” descrive la sua volontà e la necessità di creare un’alleanza che impegni istituzioni, medici, operatori sanitari e sociali, associazioni di malati e carer a lavorare insieme con un unico obiettivo: “migliorare la qualità di vita delle persone con demenza e delle loro famiglie”.  

In 26 anni di storia, la Federazione ha creato e sviluppato numerosi servizi e progetti: la help line Pronto Alzheimer; consulenze gratuite di tipo sociale, psicologico, legale, di terapia occupazionale; corsi di formazione per familiari, volontari, operatori sociosanitari. Da oltre 3 anni è inoltre attivo il progetto “Comunità Amiche delle persone con demenza”: un’iniziativa sociale che al momento coinvolge 24 città italiane e che punta a mettere al centro la persona con demenza e la sua famiglia, combattendo lo stigma e l’esclusione sociale. www.alzheimer.it Facebook Federazione Alzheimer Italia

 

NON PERDERTI I NOSTRI ARTICOLI!
Per entrare a far parte della nostra community e rimanere aggiornato, iscriviti alla newsletter di Altraetà! Clicca il link qui sotto, inserisci nome, cognome e email, accetta la Privacy Policy e seleziona “Iscriviti alla nostra newsletter”. Una volta alla settimana riceverai sulla tua mail una selezione delle migliori notizie sul mondo over 50! È gratis, comodo e veloce. E in ogni momento puoi scegliere di disiscriverti! CLICCA QUI

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here