Ecco come proteggere il cuore dal caldo

Durante l’estate un elemento da non trascurare è l’effetto che le alte temperature hanno sul nostro cuore. Quando le temperature si alzano, il corpo aumenta la sudorazione, si perdono più liquidi e si abbassa la pressione sanguigna. Tutto ciò costringe il cuore a battere più velocemente. Questo adattamento al caldo richiede una particolare attenzione agli over 65 che devono monitorare con più costanza il proprio organo cardiaco e soprattutto devono adottare dei piccoli accorgimenti per evitare di stressarlo troppo durante l’estate.

Uno dei primi obiettivi durante il periodo caldo è quello di compensare la naturale perdita di liquidi e sali minerali bevendo molta acqua fresca, ma non ghiacciata, e di evitare bevande gassate o dolcificate. Superati i 50 anni è particolarmente indicato arricchire l’acqua con soluzioni energizzanti a base di magnesio e potassio per dare più carburante a tutti i muscoli del corpo, cuore compreso. L’idratazione giornaliera dovrebbe contare su di un minimo di due litri d’acqua, meglio se bevuti lontano dai pasti e a piccoli sorsi.

Oltre a mantenere l’organismo idratato, bere molta acqua aiuta a ridurre il rischio di calcoli renali e di infezioni alle vie urinarie. L’acqua può essere assunta anche attraverso l’ingestione di alimenti come frutta e verdura che ne possiedono una grande quantità, mentre è assolutamente sconsigliato bere vino o birra, in quanto causano vasodilatazione e senso di spossatezza.

Gli effetti della disidratazione non sono improvvisi ma, si manifestano in modo graduale attraverso dei piccoli segnali come: bocca secca, leggera emicrania, difficoltà di concentrazione, che possono essere risolti velocemente attraverso l’idratazione, ma che non devono essere trascurati.

I soggetti con ipertensione arteriosa durante l’estate devono controllare più spesso la pressione e dovrebbero confrontarsi con il proprio medico per verificare se sia il caso di ridurre la terapia. Sempre i pazienti affetti da ipertensione o scompenso cardiaco dovrebbero inoltre evitare gli sbalzi di temperatura e l’ingestione di cibi grassi che richiedono un maggior sforzo per essere digeriti.

Anche l’abbigliamento può influenzare il buon funzionamento del cuore durante il periodo caldo. Indossare un abbigliamento comodo, largo e non aderente, realizzato con tessuti naturali come lino e cotone aiuta a mantenere il fisico più fresco e meno soggetto alla calura e soprattutto aiuta il cuore a non sforzarsi troppo.

Andrea Carozzi

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here