fbpx

Dormire con il ventilatore acceso fa male alla salute: ecco perché

In mancanza di aria condizionata, in questa stagione spesso per contrastare afa e caldo si ricorre al ventilatore. Ma forse non tutti sanno che, se utilizzato in maniera scorretta, questo elettrodomestico può essere nemico della salute.

I pericoli del ventilatore

Lo spostamento meccanico dell’aria dà sollievo immediato dalla calura, anche se la temperatura nell’ambiente rimane invariata. Di conseguenza, grazie al ventilatore la temperatura percepita diminuisce e soprattutto i soggetti più anziani possono essere a rischio disidratazione.

Sopra i 32 gradi perde di efficacia

Quando la temperatura di un ambiente interno supera i 32°C, l’uso del ventilatore è sconsigliato perché non è efficace per combattere gli effetti del caldo e può avere effetti negativi aumentando il rischio disidratazione. Proprio per questo, è bene posizionarlo a una distanza adeguata (1 o 2 metri) e in modalità rotazione non fissa, soprattutto di notte e in presenza di persone malate.

Salute e sicurezza

L’usanza di dormire con il ventilatore acceso è rischiosa anche a livello di sicurezza domestica: se l’elettrodomestico è vecchio, può causare un corto circuito. Inoltre, a livello di salute, può essere dannoso per la mobilità articolare: tenere il ventilatore fisso sul corpo per un lungo periodo può provocare problemi alla schiena, al collo e alla cervicale.

Allergie e ventilatore vanno a braccetto

Chi soffre di allergie ai pollini dovrebbe stare lontano dai ventilatori, che, insieme all’aria, spostano anche polveri, polline e allergeni all’interno dell’ambiente in cui è ubicato. Di conseguenza, una persona allergica dovrebbe non utilizzarlo o quanto meno posizionarlo in un ambiente pulito e poco impolverato.

I pregi

Ovviamente il ventilatore, se utilizzato nel modo corretto, presenta numerosi vantaggi: permette un riciclo continuo dell’aria e risulta notevolmente più economico rispetto al condizionatore. Inoltre, può sembrare banale ma un altro vantaggio è quello liberare le camere dai cattivi odori.

L'articolo ti è piaciuto? Condividilo sui social!

Iscriviti alla newsletter

Se ti è piaciuto questo contenuto iscriviti alla Newsletter ed entra a far parte della Community di Altraetà: una volta alla settimana riceverai sulla tua mail una selezione delle migliori notizie sul mondo over 50.

Più letti

Potrebbe interessarti anche

Iscriviti alla newsletter e rimani sempre aggiornato sul mondo over 50

Utente registrato correttamente!