fbpx

Dieta chetogenica contro il diabete, parola agli esperti

dieta chetogenica
La dieta chetogenica, caratterizzata da un basso contenuto di carboidrati, torna periodicamente alla ribalta perché è in grado di garantire una perdita di peso in un brevissimo lasso di tempo. Nonostante vengano sconsigliate soprattutto per il rischio di effetti collaterali associati all’induzione di chetosi, condizione in cui la produzione di energia avviene a partire dai grassi…

La dieta chetogenica, caratterizzata da un basso contenuto di carboidrati, torna periodicamente alla ribalta. Questo perché è in grado di garantire una perdita di peso in un brevissimo lasso di tempo. Nonostante vengano sconsigliate soprattutto per il rischio di effetti collaterali associati all’induzione di chetosi, condizione in cui la produzione di energia avviene a partire dai grassi anziché dagli zuccheri, esistono diversi studi per contro che suggeriscono come la rapida perdita di peso indotta da queste diete possa essere un valido strumento terapeutico per le persone affette da malattie metaboliche associate ad insulino resistenza quali obesità, diabete mellito di tipo 2, steatosi epatica non alcolica e sindrome dell’ovaio policistico.

Dieta chetogenica: tutto quello che devi sapere

L’argomento delle diete chetogeniche è uno dei temi di AME DAY, giornata di aggiornamento dell’Associazione Medici Endocrinologi, che si è svolta il 26 e 27 maggio a Genova, Francavilla al Mare e Cosenza.

“Le diete chetogeniche – spiega Nadia Cerutti, responsabile della S.S. Dietologia e Nutrizione Clinica A.S.S.T. Fatebenefratelli Sacco di Milano – sono diete ipocaloriche con un apporto energetico generalmente inferiore a 800 kcalorie al giorno e caratterizzate da un apporto di carboidrati giornalieri in genere inferiore a 50 grammi. La carenza di glucosio, che deriva dall’adozione di queste diete, induce uno stato di chetosi, ossia la produzione di corpi chetonici a partire dai grassi presenti nei tessuti che vengono utilizzati per produrre energia.

I corpi chetonici così prodotti agiscono sul sistema nervoso centrale portando ad un aumento sia del senso di sazietà, grazie alla riduzione dei livelli di grelina, un ormone che stimola l’appetito, sia del miglioramento dell’umore. Entrambe queste condizioni associate alla rapida perdita di peso favoriscono l’aderenza dei pazienti alla dieta. Infatti, se la dieta mediterranea rimane la dieta di elezione grazie al suo ruolo protettivo contro la sindrome metabolica, il suo elevato contenuto di carboidrati può non consentire in alcune persone di ottenere un rapido e adeguato dimagrimento necessario per ridurre i rischi per la salute associata a diverse malattie metaboliche oltre che per motivare il paziente.»

Dieta chetogenica: una terapia metabolica

“La dieta chetogenica – illustra Olga Disoteo, diabetologa del S.S.D. Diabetologia A.S.S.T. “Grande Ospedale Metropolitano Niguarda” di Milano – può essere considerata a tutti gli effetti come “terapia metabolica”. Come tali devono essere gestite da personale esperto in grado di selezionare in modo corretto i pazienti e le patologie che possono giovarsi di tali terapie quali  ipertensione arteriosa, diabete mellito di tipo 2 all’esordio, dislipidemie, sindrome metabolica, osteopatie o artropatie severe, obesità. E’ indispensabile garantire uno stretto monitoraggio clinico al fine di ridurre i potenziali effetti collaterali. Il rapido calo di peso dovuto a queste diete nelle persone obese o sovrappeso con insulino resistenza si associa a una riduzione dei livelli di acidi grassi nel sangue, di insulina e della glicemia a digiuno. Nelle persone con diabete di tipo 2 all’esordio, alcuni studi hanno dimostrato un miglioramento della funzione delle beta cellule secernenti insulina e una riduzione dell’insulino resistenza con miglioramento del compenso glicemico.”

Dieta chetogenica: funzionano davvero?

“Va ricordato – afferma Davide Brancato, endocrinologo presso il Centro di Riferimento Regionale per la Diabetologia della Sicilia, Ospedale Civico di Partinico – che le diete chetogeniche si caratterizzano anche per un elevato apporto lipidico, superiore al 60 percento dell’apporto calorico giornaliero, determinando un aumento del colesterolo LDL, ossia il colesterolo “cattivo”, causa dello sviluppo di aterosclerosi.

Per brevi periodi, inferiori alle 4 settimane, le diete chetogeniche possono essere molto utili nella cura delle persone con obesità e diabete mellito di tipo 2. La mancanza di studi a lungo termine e su un numero sufficiente di pazienti non consente di escludere che tali diete possano addirittura favorire nel lungo periodo proprio le complicanze associate al diabete. Questo possono essere infarto del miocardio, ictus, arteriopatia agli arti inferiori, che invece dovrebbero essere contrastate da una dieta adeguata. Da questo punto di vista, la dieta mediterranea si è invece ampiamente dimostrata efficace nel miglioramento dei parametri metabolici e nella riduzione del rischio cardiovascolare.”

(c.s)

NON PERDERTI I NOSTRI ARTICOLI!

Per entrare a far parte della nostra community e rimanere aggiornato, iscriviti alla newsletter di Altraetà! Clicca il link qui sotto, inserisci nome, cognome e email, accetta la Privacy Policy e seleziona “Iscriviti alla nostra newsletter”. Una volta alla settimana riceverai sulla tua mail una selezione delle migliori notizie sul mondo over 50! È gratis, comodo e veloce. E in ogni momento puoi scegliere di disiscriverti! CLICCA QUI

L'articolo ti è piaciuto? Condividilo sui social!

Iscriviti alla newsletter

Se ti è piaciuto questo contenuto iscriviti alla Newsletter ed entra a far parte della Community di Altraetà: una volta alla settimana riceverai sulla tua mail una selezione delle migliori notizie sul mondo over 50.

Potrebbe interessarti anche

Iscriviti alla newsletter e rimani sempre aggiornato sul mondo over 50

Utente registrato correttamente!