Diabete, una ricerca sostiene che si può guarire perdendo peso

Stando alle conclusioni di un recente studio di un team scientifico dell’Università di Cambridge in Inghilterra, i pazienti colpiti da diabete di tipo 2 possono vedere una remissione della patologia grazie alla perdita di circa il 10% del proprio peso corporeo entro pochi anni dalla diagnosi.

Lo studio in questione è stato da poco pubblicato sulle pagine della rivista Diabetic Medicine e si inserisce in un lungo filone di indagini analoghe che da diversi anni analizza il rapporto tra la remissione del diabete di tipo 2 e il dimagrimento.

Fino a oggi però le ricerche si erano concentrate sul rapporto tra la remissione del Diabete di tipo 2 e notevoli perdite di peso, come per esempio quelle successive agli interventi di chirurgia bariatrica. Il nuovo studio portato avanti dell’Università di Cambridge si è invece focalizzato sulle conseguenze che un dimagrimento contenuto può avere sulla patologia. Per condurre l’indagine, i ricercatori dell’università anglosassone hanno monitorato la situazione di un campione di 867 persone di età compresa tra i 40 e i 69 anni affetti da diabete.

Analizzando le oscillazioni del peso e la dieta seguita, i membri dell’equipe scientifica hanno scoperto una correlazione tra la remissione del Diabete di tipo 2 e una perdita di peso corporeo pari a circa il 10% che ha interessato 257 pazienti. Per i soggetti in questione, le probabilità di guarigione sono risultate doppie rispetto a quelle degli individui che non avevano perso peso o che addirittura risultavano ingrassati.

Il risultato è stato commentato da Simon Griffin, membro dell’Unità di Epidemiologia dell’ateneo inglese, che parlando a nome dell’intero team di ricerca ha sottolineato come i risultati ottenuti confermano l’importanza di tenere sotto controllo il peso corporeo sia attraverso una dieta mirata, sia attraverso l’incremento dell’attività fisica. Il lavoro dell’Università di Cambridge non si è però concluso con lo studio pubblicato sulla pagine della rivista Diabetic Medicine, il team di ricercatori è infatti alle prese con una nuova indagine cominciata nell’agosto 2018 e volta ad aiutare i pazienti con diagnosi di diabete di tipo 2 a gestire in maniera ancora più efficace la perdita di peso.

Lo studio in questione, che prende il nome di GLoW (Glucose Lowering Trough Weight Management) conta sulla partecipazione di 576 soggetti adulti sovrappeso e obesi a cui è stato diagnosticato il diabete ed ha lo scopo di valutare gli effetti di un programma di gestione del peso personalizzato e basato anche sugli aspetti comportamentali dei pazienti esaminati.

Andrea Carozzi

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here