Coronavirus: il lockdown andrà avanti fino a inizio maggio

Il lockdown andrà avanti oltre quanto precedentemente previsto. Secondo quanto disposto dal Dpcm del 1 aprile 2020, le misure restrittive per contrastare la diffusione del nuovo coronavirus avrebbero dovuto essere attive fino al 13 aprile. Il Governo aveva perciò previsto di lasciar passare Pasqua per poi ricominciare ad aprire alcune attività e ritornare gradualmente alla normalità. Ma per farlo, sarà necessario e opportuno aspettare ancora. È quanto emerso dall’ultima videoconferenza del Premier Conte con i rappresentanti di Regioni, Anci e Upi sulla situazione attuale dei contagi. Nel nome della prudenza, per l’Italia il lockdown proseguirà fino a inizio maggio. In giornata è atteso un nuovo Dpcm a confermare la disposizione.

La linea della prudenza

Le spinte da parte di Confindustria, partiti di opposizione come Italia Viva e un andamento migliore della curva dei contagi non sono stati elementi sufficienti per convincere il Presidente del Consiglio Conte e il Comitato Scientifico che lo affianca a far ripartire l’Italia. Il rischio di un’apertura prematura è che il contagio riparta e che i buoni risultati ottenuti dal distanziamento sociale risultino così vanificati. Anche alla fine del lockdown, la riapertura delle attività sarà graduale e controllata, per evitare rischi inutili che potrebbero far tornare il Paese in una situazione emergenziale. I cittadini, quindi, dovranno sforzarsi per altri 20 giorni, fino all’inizio di maggio, e rimanere in casa per il bene di tutti.

Controlli rafforzati per i weekend di festa

Il lockdown durerà fino a maggio anche per evitare che in weekend di festa come Pasqua, il 25 aprile e il 1° maggio le persone possano riversarsi per strada e invadere località turistiche. Un simile comportamento sarebbe certamente disastroso in un momento come quello attuale, in cui si è appena iniziato ad avere qualche segnale positivo per quanto riguarda i ricoveri ospedalieri e le terapie intensive. Proprio per combattere i comportamenti di alcuni furbetti che potrebbero cercare di aggirare i divieti delle autorità, una circolare del Viminale invita i prefetti a rafforzare sul territorio le misure di controllo durante il weekend di Pasqua.

Micol Burighel

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here